“Quadro sempre più negativo”, il 27 dicembre le ‘Vittime del salva banche’ protestano a Roma

FIRENZE - I risparmiatori e gli
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

risparmiatori banca etruria_leopolda1

FIRENZE – I risparmiatori e gli obbligazionisti di Banche CariFe, CariChieti, Marche e Etruria si ritroveranno il 27 dicembre a Roma “per una grande manifestazione. Questa volta saremo in tanti, visto che avremo tutto il tempo per organizzarla anche attraverso le sedi di Federconsumatori sul territorio”. Lo annuncia alla ‘Dire’ Letizia Giorgianni, aretina e portavoce del gruppo ‘Vittime del salva banche’.

Quello che sta emergendo nelle ultime ore, spiega, è un quadro “sempre più negativo”, a partire dall’ammontare del fondo di solidarietà previsto dal Governo nella legge di stabilità: 100 milioni di euro sono “insufficienti, visto che si sta parlando di un terzo, forse un quarto delle perdite”. Nelle ultime ore inoltre “circola l’ipotesi che gli obbligazionisti da tutelare siano solo l’1%“, senza che vi sia spazio “per gli azionisti, che sarebbero stati esclusi. Noi non ci stiamo, perché siamo molti di più”. E qui ci “vengono dei dubbi sui parametri dell’arbitrato: con quale giudizio, cioè, si riterrà un risparmiatore più idoneo di un altro a ricevere l’indennizzo. Di sicuro si sa solo che gli anziani verranno prima”. Per adesso c’è solo la data, ancora un percorso o un luogo della Capitale dedicato alla protesta “non c’è. Sicuramente- conclude Giorgianni- vorremmo andare nei luoghi dove si deciderà il nostro futuro“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»