Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

VIDEO | Rifiuti, Falcomatà: “Sulla salute dei cittadini nessun calcolo ragionieristico”

Lo dichiara il sindaco di Reggio Calabria riguardo alla difficoltà nel conferimento d indifferenziato e organico negli impianti regionali
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO CALABRIA – I sindaci dei Comuni della Città metropolitana di Reggio Calabria si recheranno oggi alla Cittadella regionale di Catanzaro, auspicando un incontro con il presidente della Regione Calabria Mario Oliverio. Lo comunica l’ente metropolitano specificando come la “situazione dei rifiuti nel territorio ha raggiunto livelli insostenibili”.

I primi cittadini chiederanno al governatore l’apertura di un tavolo politico istituzionale permanente per affrontare nell’immediato la questione. Oggi il sindaco metropolitano Giuseppe Falcomatà, intervenendo ad un’iniziativa all’Associazioni industriali ha messo in evidenza la difficoltà nel conferimento dei rifiuti indifferenziati e organico negli impianti regionali.

“Da quindici giorni non riusciamo a conferire – ha affermato – questo sta comportando una produzione di microdiscariche. La causa ha nome e cognome: la Regione Calabria che ha chiuso le porte degli impianti di conferimento solo ai 97 Comuni dell’area metropolitana di Reggio Calabria. Le altre province, invece, conferiscono regolarmente. Stiamo facendo di tutto per risolvere questa situazione”. “Finora la Regione ci ha chiesto di rientrare almeno dell’80% del debito per poter conferire nuovamente – ha precisato Falcomatà – nonostante le difficoltà di molti Comuni, molti sono in dissesto, con problemi legati alla liquidità, tutti si sono messi in linea e sono arrivati vicini a quella percentuale”.

Il sindaco metropolitano si chiede quindi “se la salute dei cittadini può essere demandata al calcolo ragionieristico. Se la situazione non si sbloccherà – ha concluso Falcomatà – c’è il serio rischio di ordine pubblico”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»