Giustizia, Bonafede: “Cambiare regole, la penso come Mattarella”

Per il ministro della Giustizia Bonafede, "dobbiamo alzare un muro che tenga distante la politica dalla magistratura"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Io non entro nel merito di decisioni che non mi competono, ma come ministro della Giustizia ho due compiti: quello di iniziare le azioni disciplinari (cosa che ho fatto nei confronti di alcuni consiglieri) e quello di avviare un pacchetto di norme che impediscano il ripetersi di fatti come quelli emersi”. Il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede interviene sulla bufera che ha investito il Csm e alcuni politici del Pd, in un’intervista a ‘La Stampa’.

“La penso esattamente come il presidente della Repubblica- aggiunge il ministro- e’ necessario cambiare le regole per voltare pagina”.
Insomma, conclude Bonafede, “dobbiamo alzare un muro che tenga distante la politica dalla magistratura”.

LEGGI ANCHE: Caos Csm, Lotti scrive a Zingaretti: “Mi autosospendo dal Pd”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

15 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»