Camorra, 69 arresti: in manette anche l’ex assessore Sommese

Finiscono in carcere politici, professionisti e funzionari pubblici accusati a vario titolo di corruzione, turbativa d'asta e concorso esterno in associazione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – C’e’ anche Pasquale Sommese (Ncd), consigliere regionale del gruppo misto ed ex assessore al Turismo della Regione Campania, tra le persone finite agli arresti in un’inchiesta su presunti intrecci tra la politica e il clan dei Casalesi.

LEGGI ANCHE Appalti truccati, i pm: “Sommese aveva un ruolo chiave”

Arrestati anche il direttore dell’Adisu, Claudio Borrelli, il sindaco di Aversa, Enrico De Cristofaro, Raffaele De Rosa (Pd), fratello del sindaco di Casapesenna. Coinvolti anche alcuni ex sindaci del napoletano, da Domenico Giorgiano (Pd), ex primo cittadino di San Giorgio a Cremano, a Claudio D’Alessio (Pd), ex sindaco di Pompei, e del casertano come Ferdinando Bosco, ex primo cittadino di Casapulla, e Adele Campanelli, soprintendente archeologica della Campania, insieme a ingegneri, docenti universitari, funzionari pubblici, faccendieri e commercialisti del casertano e del napoletano, accusati a vario titolo di corruzione, turbativa d’asta e concorso esterno in associazione. Sono 69 in totale le ordinanze di custodia cautelare eseguite dalla Guardia di Finanza di Napoli. L’indagine e’ coordinata da Catello Maresca, Pm della dda di Napoli.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»