Ius: “No a Smac card ai minori di 16 anni”

SAN MARINO - “I bambini dagli 11 anni in su” saranno
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Shopping_ragazza

SAN MARINO – “I bambini dagli 11 anni in su” saranno coinvolti in un “indottrinamento rispetto all’uso di uno strumento di controllo fiscale, peraltro lesivo della privacy”. Il ‘j’accuse’ è stato lanciato dal presidente Osla, Mirko Dolcini, durante l’incontro di ieri sera organizzato da Ius, Imprenditori uniti sammarinesi, l’alleanza che raccoglie, oltre alla sua associazione, Usot e Usc. A provocarlo è “una delibera del Congresso di Stato con la quale viene autorizzata la vendita della Smac card anche ai minori di 16 anni”, rileva Dolcini. Nel documento verrebbe dato “incarico alle scuole e al Centro di formazione professionale di provvedere al rilascio, alla consegna e al ritiro delle quote d’acquisto” della “tessere” che tanto stanno facendo discutere sul Titano. Tanto che proprio Ius, di recente, si è fatto promotore di una raccolta di firme anti-Smac che “in 20 giorni ha raccolto mille adesioni”, rivela Dolcini alla platea di circa 200 persone che si è raccolta nella Sala Montelupo di Domagnano. “A firmare- precisa- non sono solo operatori economici, ma anche dipendenti, pensionati e disoccupati, che dimostrano tutta la loro disaffezione verso questo strumento”. L’obiettivo è “raccogliere 3 o 4.000 sottoscrizioni- spiega dopo di lui Andreina Bartolini, presidente di Usc– poi le porteremo alla Reggenza”. Rivolto ai parlamentari del Consiglio grande e generale, infine, un commento in vista delle future elezioni: “Dirotteremo i nostri voti verso chi dimostrerà di difendere le imprese”.

di Cristina Rossi, giornalista professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»