Sanità, 550 mila euro di fondi Ue per nuove ambulanze

POTENZA - Il Servizio sanitario regionale potrà dotarsi di nuove
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

AmbulanzaPOTENZA – Il Servizio sanitario regionale potrà dotarsi di nuove ambulanze per consentire ai cittadini lucani di accedere tempestivamente alle prestazioni sanitarie. La Giunta regionale della Basilicata, a valle del processo di selezione avviato nel 2016, ha approvato l’operazione “Potenziamento del Servizio di Emergenza Urgenza mediante l’acquisto di ambulanze”, che può contare su una dotazione di 550 mila euro rinvenienti dai fondi dell’Asse VI “Inclusione sociale” del Programma Operativo Fesr Basilicata 2007/2013
L’acquisto di nuove ambulanze consentirà di implementare la sicurezza della collettività, faciliterà l’accessibilità fisica ai servizi sanitari contribuendo a migliorare il servizio di emergenza-urgenza,  favorirà l’innalzamento delle prestazioni attraverso il rinnovamento tecnologico delle attrezzature e degli impianti.
   L’acquisto di nuovi mezzi, inoltre, potrà garantire standard minimi uniformi sull’intero territorio regionale sia in termini di accessibilità che di prestazioni, in linea con quanto previsto dal Quadro di Sostegno Nazionale 2007-2013 alla priorità 4 “Inclusione sociale e servizi per la qualità della vita e l’attrattività territoriale” e in coerenza con la “Strategia per le aree interne” prevista nel Por Fesr Basilicata 2014-2020 approvato dalla Commissione Europea.
La realizzazione dell’operazione, a favore dell’intero territorio, è stata affidata all’Azienda Sanitaria di Potenza

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»