Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

La collezione Torlonia torna al pubblico, grande mostra a Roma nel 2017

Dopo due tappe all'estero è prevista la collocazione permanente in una "sede adeguata al prestigio della collezione"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

28/04/03 LA COLLEZIONE TORLONIA DI SCULTURE ANTICHE IN FOTOGRAFIE DEL 1884 RIPRESE NEL MUSEO TORLONIA

ROMA – La ricchissima collezione Torlonia tornerà visitabile al pubblico con una grande mostra a Palazzo Caffarelli, a Roma, nel 2017.

E’ questo il “primo passo” dell’accordo “storico” tra il ministero dei Beni culturali e la famiglia Torlonia che porterà all’esposizione permanente della collezione, che conta 620 pezzi di arte romana e greca, in una “sede di prestigio” nella città di Roma.

L’accordo è stato siglato oggi al Mibact dai rappresentanti della Fondazione Torlonia e dal ministro Dario Franceschini e prevede l’organizzazione della mostra per la seconda metà del 2017.

L’esposizione sarà curata da Salvatore Settis e presenterà al pubblico circa 60-90 opere. Poi, l’esposizione farà due tappe all’estero, una negli Stati Uniti e una “in un grande museo europeo”. Al suo rientro in Italia, questa selezione di opere, insieme alle altre che nel frattempo verranno restaurate a spese della famiglia e della fondazione Torlonia, troverà una collocazione permanente in una “sede adeguata al prestigio della collezione che verrà individuata d’intesa tra le parti”. Si tratta di “un passaggio storico” per il ministro Dario Franceschini, che ha definito “straordinaria e unica” la collezione Torlonia. “La firma di questo accordo- ha detto- consente di iniziare un percorso che garantirà la fruizione pubblica della collezione”. Anche per Alessandro Poma Murialdo, amministratore della Fondazione che ha siglato l’accordo con Franceschini, questo è “un primo passo in direzione di una più efficiente gestione e valorizzazione di queste opere”, ricordando che finora i pezzi “sono stati conservati con cura”.

(Foto da http://socialphotolab.com/)

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»