DIG.eat sarà il Netflix della cultura digitale

lavoro computer pixabay
I contenuti dell'evento saranno disponibili per sempre a chiunque si registrerà sulla piattaforma
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’Italia che ha costruito il digitale, lo vive da protagonista nel presente e continua a guardare alle prospettive che esso rappresenta raccontata in oltre 150 eventi tra web conference, talk, webinar e podcast con circa 200 relatori, perlopiù manager, esperti e docenti. Questo è stato il DIG.eat 2021 che ha chiuso venerdì scorso il suo programma di 4 settimane ma che “è tutt’altro che terminato”, assicurano gli organizzatori. L’intero palinsesto, trasmesso in streaming sulla piattaforma dedicata digeat.it, è infatti disponibile on demand per chi vorrà iscriversi e sarà arricchito con nuovi e inediti contenuti sul modello di Netflix e Prime Video. Un’operazione di “educazione civica digitale che serve al nostro Paese- la descrive il promotore del DIG.eat, Avvocato Andrea Lisi in un video messaggio- realizzata grazie a un team multidisciplinare e ai tanti partner e sponsor che hanno condiviso la nostra visione”.

La maratona per raccontare l’innovazione in tempo reale, dall’eHealth all’eGov passando per diritti digitali, privacy e cybersicurezza, insomma continua. Sempre ribaltando i paradigmi dell’evento analogico per coniare un modello digitale: “non si puo seguire un convegno digitale come se si fosse seduti in platea– spiega Lisi- perché l’ambiente digitale pretende tempi diversi e logiche diverse. Per questo noi abbiamo registrato tutto e lo rendiamo disponibile per sempre a chiunque vorrà registrarsi sulla piattaforma e vedere i contenuti del palinsesto DIG.eat. E stiamo preparando- assicura- molte sorprese”. Il team di ANORC e Digital & Law Department, organizzatori del DIG.eat, stanno lavorando a nuovi contenuti e a una nuova interfaccia per la piattaforma dedicata. Le novità coinvolgeranno sempre figure professionali e accademiche di rilievo, come le centinaia che hanno partecipato volontariamente al palinsesto che si è chiuso il 12 febbraio scorso.

“Quando abbiamo deciso di realizzare l’evento- spiega Lisi- la base di partenza è stata la consapevolezza che non si può improvvisare col digitale. Per educare su diritti e libertà fondamentali che riguardano il vivere digitale, la cittadinanza digitale, o capire i meccanismi dell’innovazione attraverso strumenti digitali, l’interoperabilità dei dati, la sicurezza informatica, ci vogliono persone che a queste tematiche hanno dedicato tanti anni di studio. Il fraintendimento di fondo che c’è stato in questi anni è che per parlare di digitale ci vogliono “semplicemente” i giovani, che vadano in giro a educare gli “anziani”. Questo è sbagliato e spero che lo abbiamo fatto percepire”.

Per accedere al contenuto integrale è necessario registrarsi sulla piattaforma creata ad hoc per ospitare il DIG.eat accessibile con una semplice iscrizione in due passaggi (e pochi dati richiesti). Si avrà così accesso al palinsesto completo on demand.

Per un’anteprima dei contenuti è possibile consultare la pagina ufficiale dell’evento.
Per iscrizioni, è possibile accedere direttamente dalla piattaforma ufficiale.
Vi ricordiamo che tra i protagonisti del racconto del Dig.eat 2021 ci sono Ageziaimpresa di Gruppo APM, Archivium, Aruba Enterprise, Bremp, CSQA, Digital&Law Department, Dgroove, HiT Internet Technologies, Indicom, Lending Solution, SIAV e Studio Legale Lisi.
È possibile seguire gli aggiornamenti del DIG.eat anche via social, attraverso i canali ufficiali di ANORC: Facebook; Twitter; LinkedIN.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»