Uccisione di Sana che si voleva sposare, i parenti tutti assolti in Pakistan

Condividi su facebook Condividi su twitter Condividi su whatsapp Condividi su email Condividi su print ROMA - Sono stati tutti assolti in Pakistan gli 11
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sono stati tutti assolti in Pakistan gli 11 imputati per l’omicidio di Sana Cheema, la giovane uccisa ad aprile prima di rientrare a Brescia, doveva viveva, perchè accusata di voler sposare il fidanzato italiano: lo hanno riferito quotidiani e portali di informazione locali.

Tra gli imputati figuravano il padre, la madre e diversi altri familiari della giovane, assassinata all’età di 25 anni. La sentenza è stata emessa oggi da un tribunale distrettuale di Gujrat, nel nord-est del Pakistan. Per il giudice non ci sono prove sufficienti o testimoni dell’omicidio.

Sana aveva 26 anni, lavorava a Milano e viveva a Brescia, dove aveva incontrato un ragazzo italiano, poi emigrato in Germania. I due avevano progetti di matrimonio ma la famiglia di lei osteggiava questo sogno, hanno riferito alcuni amici di Sana. La ragazza è morta in circostanze strane in casa mentre si trovava in vacanza dai suoi in Pakistan, nell’aprile scorso.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»