Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Corruzione e fatture false, tredici indagati all’Agenzia spaziale

I reati sono corruzione, abuso d’ufficio, emissione e utilizzo di fatture per operazioni inesistenti e occultamento o distruzione di scritture contabili
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sono tredici gli indagati dell’Agenzia spaziale italiana (Asi) per corruzione, abuso d’ufficio, emissione e utilizzo di fatture per operazioni inesistenti e occultamento o distruzione di scritture contabili. Già due anni fa venne arrestato l’allora presidente, Enrico Saggese. Gli indagati di oggi arrivano a conclusione di quel filone. Avrebbero preso tangenti per affidare a una stretta cerchia di aziende amiche l’organizzazione di viaggi volti a diffondere la ‘cultura spaziale’.

I FATTI

I militari del Comando provinciale della Guardia di Finanza di Roma, coordinati dalla Procura della Repubblica capitolina, hanno concluso le indagini che nel 2014 avevano già condotto all’arresto, eseguito dal Nucleo di Polizia Tributaria e dal Nucleo Investigativo dei Carabinieri di Roma, dell’allora presidente della Agenzia spaziale italiana (Asi), di due funzionari (fratello e sorella) e di un imprenditore coinvolti in gravi vicende di corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio.

Le attività investigative, che hanno portato nei giorni scorsi alla notifica dell’avviso di conclusione indagini preliminari, riguardano 13 persone, a vario titolo indagate per i reati di corruzione, abuso d’ufficio, emissione e utilizzo di fatture per operazioni inesistenti e occultamento o distruzione di scritture contabili.

Secondo l’ipotesi accusatoria l’ex presidente dell’Asi, una sua diretta collaboratrice e il fratello di quest’ultima, all’epoca funzionario del Centro italiano ricerche aerospaziali distaccato presso l’Asi, condizionavano, in favore di un ristretto numero di imprese, l’aggiudicazione di gare d’appalto e/o di affidamenti diretti per l’organizzazione di eventi e viaggi istituzionali finalizzati alla diffusione della ‘cultura spaziale’ in cambio di tangenti per un valore complessivo di oltre 500 mila euro sotto forma sia di regali (vacanze, biglietti aerei, ristrutturazioni edilizie, orologi di valore, televisori, aspirapolveri) che di dazioni di denaro, ‘coperte’ da fatture false, emesse da una società – i cui soci erano i genitori dei due funzionari tratti in arresto – nei confronti delle imprese che organizzavano i predetti eventi e viaggi. Gli imprenditori che si sono prestati al sistema corruttivo, mascherato attraverso un giro di fatturazioni fittizie di oltre 1,5 milioni di euro, lucravano sulla sovrafatturazione delle prestazioni rese all’Agenzia spaziale italiana e si erano anche organizzati per creare i fondi neri da utilizzare per corrispondere le tangenti ai funzionari coinvolti nell’inchiesta.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»