Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Il Nettuno d’oro agli Stadio, il sindaco Merola: “Ci aiuteranno a promuovere la musica”

BOLOGNA - Dalla vittoria di Sanremo al Nettuno d'oro di Bologna. Continuano i festeggiamenti per gli Stadio, che
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Dalla vittoria di Sanremo al Nettuno d’oro di Bologna. Continuano i festeggiamenti per gli Stadio, che sabato hanno sbancato l’Ariston classificandosi al primo posto nella 66esima edizione del Festival. Com’era forse facile intuire, il Comune di Bologna ha deciso di premiare la band di Gaetano Curreri con una delle massime onorificenze di Palazzo D’Accursio. Ad annunciarlo è lo stesso sindaco Virginio Merola, in una nota, che lascia trasparire anche l’intenzione di trasformare il gruppo in ambasciatori della cultura e della musica bolognese.

“Gli Stadio hanno vinto il Festival di Sanremo 2016- scrive il sindaco- il coronamento di un sogno per un gruppo con una lunga carriera artistica, che ha visto come perno la nostra città. Per questo motivo ho deciso di conferire agli Stadio il Nettuno d’Oro. Sarà il ringraziamento della città di Bologna per le emozioni che ci hanno fatto vivere in questi anni, inclusa quella immensa della notte di San Valentino all’Ariston“.

Stadio gruppo musicale-bandUna data per la cerimonia ancora non c’è. “Li incontrerò presto- spiega Merola- per decidere insieme come festeggiare adeguatamente la loro vittoria, coinvolgendo tutta Bologna, Città della Musica Unesco. Vorrei che questa festa della musica potesse essere l’occasione per fare partire da Bologna un forte messaggio di orgoglio e collaborazione civica- aggiunge il sindaco- su questo ho già qualche idea, che condividerò con il gruppo, e soprattutto ascolterò le loro idee per la promozione della musica e della cultura nella nostra amata città”.

di Andrea Sangermano, giornalista professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»