Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Femminicidio Kleics, Veltri (D.i.re): ” Non sono state attivate le misure di protezione”

VIOLENZA DONNE_BRASILE -min
"Le leggi ci sono, si sta anche facendo uno sforzo per migliorarle, ma il problema resta invariato: perché chi le deve applicare non sempre lo fa"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “L’ennesimo femminicidio del 2021 ripropone il solito schema: una donna subisce violenza dal partner, denuncia i maltrattamenti subiti, le forze dell’ordine intervengono addirittura sul posto e il partner ammette le violenze. Ma non succede niente“. Così Antonella Veltri, presidente di D.i.re (Donne in rete contro la violenza), ha commentato l’ultimo caso di femminicidio: quello di Mihaela Kleics, la cinquantenne rumena uccisa a Quartu Sant’Elena
(Cagliari) dal compagno Sandro Sarais, originario di Nuraminis e fermato ieri con l’accusa di omicidio volontario.

“Nonostante il Codice rosso preveda che il magistrato ascolti la donna dopo 3 giorni- ha detto ancora Veltri- nonostante sia evidente, per lo meno a chi lavora nei centri antiviolenza, che la cosa da fare è attivare immediatamente le misure di protezione. Che esistono. Sulla carta. Ancora una volta torniamo a ripetere che le leggi ci sono, che si sta anche facendo uno sforzo per migliorarle, ma che il problema resta invariato: perché chi le deve applicare non sempre lo fa“.
Per la presidente di D.i.re, “è venuto il momento per le istituzioni di assumersi la responsabilità per queste morti annunciate, per aver trattato con sufficienza le donne che denunciano la violenza, per non aver loro creduto, per non aver agito con la necessaria tempestività. Già una volta- ha ricordato- l’Italia è stata condannata dalla Corte europea dei diritti umani: nel caso Talpis, per il quale è ancora aperta la procedura di sorveglianza rafforzata dell’Italia da parte del
Comitato dei ministri del Consiglio d’Europa, proprio per non aver agito a tutela di Elisaveta Talpis, che aveva denunciato più volte le violenze del suo partner. Ma- prosegue Veltri- niente era stato fatto, e lui l’ha ridotta in fin di vita e ha ucciso il figlio che lei aveva avuto dal primo matrimonio, accorso in sua
difesa”.

Per Veltri non servono “nuovi dispositivi: quello che serve alle donne è essere ascoltate e credute dalle forze dell’ordine, è essere tutelate nei tribunali
dove, spesso, subiscono ulteriore violenza
“. “Con questo femminicidio- insiste Antonella Veltri- quello che salta agli occhi e ci indigna è ancora una volta la colpevole inazione delle istituzioni. Chiediamo di essere ascoltate, finalmente. Chiediamo che le istituzioni smettano di fare proclami, di elencare fantasiose misure di protezione. Chiediamo che, invece, si facciano garanti dell’applicazione delle leggi esistenti, delle misure di protezione, che, ormai lo sappiamo
bene, possono salvare la vita alle donne che denunciano. E chiediamo- conclude la presidente di D.i.re- che, mentre queste leggi vengono applicate, si realizzi un imponente piano di formazione per tutte e tutti coloro che hanno a che fare con la vita delle donne che vivono in situazioni di violenza. Una formazione che coinvolga i centri antiviolenza che da più di 30 affrontano la violenza maschile sulle donne e che sanno come contrastarla”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»