Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Cultura, Roberto Bolle: “L’Italia non investe abbastanza, persi molti corpi di ballo”

roberto bolle
"Sembra che non ci sia la comprensione di quanto importante per noi sia la cultura che è un investimento che arricchisce non solo a livello di immagine ma anche a livello economico"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Sono sempre molto orgoglioso di essere italiano, porto l’italianità, che è un valore importante per un artista, in giro per il mondo. Di questo mi sono sempre inorgoglito perché l’Italia è il Paese dell’arte e della cultura radicata e profonda. Quello di cui a volte invece sento la mancanza è che il Paese non investe abbastanza sull’arte e sulla cultura che è il nostro punto di forza nel mondo. Siamo conosciuti per essere questo e spesso noi stessi non ce ne rendiamo conto e non investiamo mentre invece è anche un investimento redditizio”. Lo ha detto Roberto Bolle, intervenuto agli Stati generali della Cultura del Sole 24 ore.

“Negli ultimi anni dei corpi di ballo che prima c’erano non ci sono più. Tutte queste realtà- ha detto Bolle- si sono andate via via perdendo ed è un impoverimento del nostro Paese e molti giovani non hanno prospettive future e devono andare all’estero. Abbiamo quattro compagnie, di cui molte con organico ridotto, Napoli e Palermo, e due più grandi come Milano e Roma. Ma sono pochissime rispetto agli enti lirici che ci sono e al bisogno di cultura. C’è un progressivo impoverimento che è preoccupante perché non c’è la voglia e la consapevolezza di voler sostenere questa arte ma tutte le arti. Sembra che non ci sia la comprensione di quanto importante per noi sia la cultura che è un investimento che arricchisce non solo a livello di immagine ma anche a livello economico il nostro Paese”.

Bolle ha concluso dicendo che andrebbe “sempre più incentivato l’aiuto privato verso l’arte e la cultura detassando e dando le agevolazioni migliori”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»