hamburger menu

Lega: “Europa criminale decreta morta balneari”

ROMA - "Come annunciato, la peggiore burocrazia europea

Pubblicato:14-07-2016 10:42
Ultimo aggiornamento:14-07-2016 10:42
Canale: Ambiente
Autore:
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ombrelloni_spiaggia

ROMA – “Come annunciato, la peggiore burocrazia europea ha decretato la morte dei balneari con la bocciatura delle proroghe delle concessioni demaniali marittime e lacustri. Eccola qui l’Europa criminale, quella che non vogliamo, ecco una delle mille ragioni per le quali dovremmo scappare di corsa dall’unione per ritornare padroni del destino, dei nostri territori, delle nostre risorse, delle norme che regolano le nostre imprese. L’Europa è distante anni luce dai problemi delle piccole e medie imprese italiane e la Bolkestein è devastante“, scrivono in una nota il capogruppo dei senatori della  Lega nord Gian Marco Centinaio con il collega Paolo Arrigoni, commentano la decisione dell’Europa di non prorogare le concessioni balneari.

“Questa decisione- proseguono i due esponenti del Carroccio- sommata alla totale incapacità del governo di difendere le nostre peculiarità territoriali, a differenza dei governo spagnolo e portoghese che hanno ottenuto la proroga, significa che 30.000 imprese e 700.000 addetti, non sanno come andare avanti. Renzi prenda coraggio e glielo spieghi”. Così, in una nota

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2016-07-14T10:42:47+01:00