Raggi lancia ‘RomAscoltaRoma’ per avviare piano sociale

Si tratta di una consultazione e di una campagna di ascolto orientata alla formulazione del 'Piano Sociale Cittadino'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Roma città solidale torna ad occuparsi dei più deboli con la costruzione concreta di un piano tutto dedicato agli ultimi“. Così la sindaca Virginia Raggi, sulla sua rubrica nel sito del Campidoglio, lancia il progetto #RomAscoltaRoma.

“Si tratta di una consultazione e di una campagna di ascolto orientata alla formulazione del ‘Piano Sociale Cittadino’ che manca da 13 anni nella nostra città- spiega Raggi- il piano sarà realizzato con incontri in tutti i Municipi. Previsti confronti anche nelle strutture capitoline, oltre alla possibilità di contributi online e la condivisione di una rete di buone prassi. Gli incontri pubblici di ascolto saranno 15, uno per ogni Municipio della Capitale. Cominciamo il 31 gennaio nel X e concluderemo il 16 maggio nel XIV”.

“I temi: povertà, inclusione, questione Rom-Sinti-Caminanti, politiche educative e scolastiche, violenze, disabilità, dipendenze patologiche, casa, marginalità gravi, minori, famiglie, anziani. Il tutto, supportato dalle visite ai centri di accoglienza sostenuti dal Campidoglio. Dopo l’ultimo incontro pubblico del 16 maggio si passerà alla redazione del piano. Non più politiche calate dall’alto- sottolinea la sindaca- ma una vera politica dal basso, mai sperimentata prima a Roma e su temi così delicati che coinvolgono migliaia di famiglie”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»