Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

La stretta di Macron: obbligo di vaccino e pass sanitario per andare al bar

emmanuel macron
Introdotta la vaccinazione obbligatoria fino al 15 settemrbe per tutto il personale sanitario: "Il Covid ha ripreso a correre"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La Francia ha deciso una stretta sulle norme anti-Covid. Lo ha reso noto il presidente della Repubblica Emmanuel Macron, che ha sottolineato come, nel Paese, l’epidemia di Covid sia ripresa in maniera massiccia. “La nostra scelta è semplice: usare le restrizioni per la popolazione non vaccinata anzichè su tutti quanti. Per questo l’uso del pass sanitario sarà esteso”. Non solo. La vaccinazione sarà obbligatoria fino al 15 settembre per tutti gli operatori sanitari e il personale di ospedali, cliniche, case di riposo, strutture per disabili e per coloro che lavorano a contatto con anziani o fragili, anche a domicilio. “Siamo la nazione della Scienza, dell’Illuminismo, di Pasteur- ha ricordato Macron- quando la scienza ci offre i mezzi per proteggerci, li dobbiamo usare con fiducia nella ragione e nel progresso“.

Per quando riguarda il pass sanitario, che certifica l’avvenuta vaccinazione, sarà obbligatorio dal 21 luglio per chi ha più di dodici anni “in tutti i luoghi di divertimento e di cultura”. Poi, da agosto, sarà esteso anche ai bar, ai ristoranti, ai centri commerciali e ai mezzi di trasporto.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»