Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Migranti, monsignor Galantino: “Aiutiamoli a casa loro non basta”

"Bisogna capire con quali mezzi, quali strumenti. Le persone se vogliono restare devono essere messe in condizione di farlo", spiega Galantino alla Dire
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

nunzio_galantinoROMA –  “L’espressione ‘aiutiamoli a casa loro’ e’ un refrain troppo frequente che non aiuta a capire veramente il problema. Meglio dire ‘liberi di partire, liberi di restare’, tenere conto della liberta’ che hanno gli uomini di partire e anche di restare”. Lo dice alla Dire monsignor Nunzio Galantino, interpellato a margine della tavola rotonda ‘Da mani pulite a Cantone: il valore delle regole’, organizzata da Gianluca Maria Esposito professore di diritto amministrativo e direttore della scuola anticorruzione e appalti dell’universita’ di Salerno (clicca qui per scoprire di cosa si tratta).

Aiutiamoli a casa loro e’ troppo generico, bisogna capire con quali mezzi, quali strumenti. Le persone se vogliono restare devono essere messe in condizione di farlo”, dice Galantino.

LEGGI ANCHE Migranti, Renzi: “Aiutiamoli a casa loro è un principio di buon senso”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»