Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Bologna, scritte fasciste sul monumento ai partigiani della ‘Brigata Maiella’

ROMA - Nella notte a Bologna è stato
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print


ROMA – Nella notte a Bologna è stato imbrattato con scritte e simboli neri inneggianti al fascismo il monumento dedicato alla Brigata Maiella, all’interno del parco all’angolo tra via Marx e viale Lenin. Un “grave atto vandalico”, lo definisce il Comune di Bologna in una nota, che si è subito attivato per ripulire e coprire le scritte. Nei prossimi giorni seguirà un secondo intervento per il ripristino definitivo del monumento. Palazzo D’Accursio “condanna con forza quanto accaduto ed esprime solidarietà all’Anpi per un episodio che ferisce la memoria di chi ha combattuto per la liberazione”.

Il monumento dedicato alla Brigata Maiella, ricorda il Comune, è formato da tre blocchi di pietra bianca, provenienti dal massiccio abruzzese, ed è dedicato ai patrioti che il 21 aprile 1945 parteciparono alla liberazione di Bologna. La Brigata Maiella fu insignita della Medaglia d’oro al valor militare e i combattenti della cittadinanza onoraria. I tre macigni, incastrati tra loro, simboleggiano il profilo delle cime della Maiella, che a loro volta erano riprodotte nel distintivo cucito sulle divise della Brigata, insieme al Tricolore. Sul monumento è incisa la scritta: “Sulle strade della Brigata Maiella il lungo cammino per la libertà”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»