Incidente aereo Norwegian, Codacons: “Azione risarcitoria per i residenti a Fiumicino”

Tutti i cittadini residenti a Fiumicino e che sabato 10 agosto si trovavano sul territorio del comune “possono chiedere il risarcimento anche in assenza di danni a vetture e cose, e solo per i rischi corsi a causa della caduta di pezzi di aereo"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sulla compagnia aerea Norwegian si abbatterà una azione risarcitoria del Codacons in favore di tutti i cittadini residenti a Fiumicino e per chi ha subito danni materiali a causa dell’episodio avvenuto sabato. Lo afferma l’associazione dei consumatori, dopo la caduta di frammenti di aereo precipitati ieri sul territorio di Fiumicino poco dopo il decollo di un Boeing diretto a Los Angeles.

Tutti i cittadini residenti a Fiumicino e che sabato 10 agosto si trovavano sul territorio del comune “possono chiedere il risarcimento anche in assenza di danni a vetture e cose, e solo per i rischi corsi a causa della caduta di pezzi di aereo – spiega il presidente Carlo Rienzi – L’incidente, considerato l’elevato numero di frammenti precipitati al suolo, avrebbe potuto avere conseguenze gravissime per gli abitanti, e in tal senso si configura il diritto di chi ha corso un potenziale rischio di ottenere il giusto indennizzo nei confronti della compagnia aerea”. “Diritto che- afferma il Codacons- vale ovviamente anche per chi ha subito danni a vetture e cose e può rivalersi sul vettore aereo per il risarcimento. Per tale motivo l’associazione invita tutti i residenti di Fiumicino ad inviare una mail all’indirizzo [email protected] per fornire la pre-adesione alle azione risarcitorie contro Norwegian allo studio del Codacons.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

12 Agosto 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»