Sudan, Bashir sarà processato per genocidio dalla Corte dell’Aja

La decisione del governo nel corso dei colloqui di pace in Darfur
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Il governo di transizione del Sudan ha acconsentito alla richiesta della Corte penale internazionale di poter processare l’ex presidente Omar Al-Bashir per crimini di guerra e genocidio. La decisione è stata assunta dal Consiglio sovrano, l’organismo di governo istituito dopo il rovesciamento di Bashir ad aprile, nel corso dei colloqui con i gruppi ribelli nella regione del Darfur. Qui da fine dicembre sono infatti riprese le violenze, che hanno già causato un’ottantina di morti e decine di migliaia di sfollati.

LEGGI ANCHE: Padre Baccin: “Spari a Khartoum, in Sudan la rivoluzione rischia”

“La giustizia non può realizzarsi finché le ferite non vengono curate”, il commento del portavoce di Khartoum, Mohammed Hassan Al-Taishi. Le accuse mosse dalla Cpi sono relative al conflitto che colpì il Darfur tra il 2001 e il 2003, e in cui persero la vita circa 300mila civili. Secondo la Corte dell’Aja, il responsabile dell’eccidio fu proprio l’ex capo dello Stato, la cui aggressione avrebbe avuto come scopo l’eliminazione della minoranza etnica locale. Nell’inchiesta condotta dalla Cpi figurano anche altri ex vertici dello Stato e delle Forze armate.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

12 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»