VIDEO | Ddl Pillon, Morresi (Cnb): “Pericoloso perché introduce stato etico”

ROMA - "Lo Stato non può entrare nelle modalità di svolgimento dei rapporti tra le persone. Non può essere lo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Lo Stato non può entrare nelle modalità di svolgimento dei rapporti tra le persone. Non può essere lo Stato a dirmi, perché possa funzionare una relazione tra padre e figlio, quali sono i tempi, quali le modalità. Questo è uno Stato autoritario, uno Stato etico, ed è la pericolosità più grande del Ddl Pillon”. Così all’Agenzia di stampa Dire la professoressa di Chimica Fisica dell’università di Perugia e membro del Comitato nazionale di Bioetica Assuntina Morresi a margine della presentazione della relazione depositata dall’associazione ‘Maison Antigone’ alla Commissione Giustizia del Senato sulla riforma del diritto di famiglia prevista dal contratto di governo, in particolare su Ddl Pillon e collegati (735, 45, 118, 768, 837). Il dossier è stato presentato stamattina a Roma nel corso dell’evento ‘Quello che nessuno dice sul Ddl Pillon e collegati’.

“I proponenti della riforma- aggiunge Morresi- parlano dei diritti relazionali, cioè del fatto che la legge può entrare nella modalità dei rapporti tra genitori e figli, sia nell’organizzazione delle tempistiche, sia negli articoli 17 e 18, quando viene previsto l’allontanamento del bambino dal genitore voluto per metterlo in una struttura dove viene rieducato alla bigenitorialità”. Un aspetto “molto pesante”, precisa la professoressa, perché vuol dire “che è lo Stato a stabilire quali sono le modalità di rapporto tra genitori e figli”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»