Attacco armato nella Repubblica Democratica del Congo, trenta morti

Gli assalitori si sono lanciati sugli abitanti della città - che dista oltre mille chilometri dalla capitale Kinshasa - armati di coltelli e fucili
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Trenta persone hanno perso la vita a Tshimbulu, a causa di un attacco condotto dai miliziani fedeli a un capo locale, Kamuina Nsapu, ucciso dall’esercito ad agosto scorso.

Stando a quanto riferisce ‘Radio Okapi’, forti colpi d’arma da fuoco si sono sentiti nella prima mattinata di ieri. Gli assalitori si sono lanciati sugli abitanti della città – che dista oltre mille chilometri dalla capitale Kinshasa – armati di coltelli e fucili.

L’esercito sarebbe tuttavia riuscito e respingere l’attacco, sequestrando alcune armi. Gli attacchi ai civili in questa regione centrale del paese proseguono dalla scomparsa del leader Nsapu. Stando a ‘Radio Okapi’, quasi duecento persone hanno perso la vita da agosto.

Il movimento armato, che si batteva per l’indipendenza di una regione nota per l’estrazione dei diamanti, dalla morte del suo storico capo chiede apertamente le dimissioni del Presidente Joseph Kabila.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»