Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Coronavirus, i veterinari: “Possiamo fare i tamponi, bene la proposta di Zaia”

tampone drive through
È quanto sostiene il medico veterinario Maurizio Albano, responsabile relazioni esterne dell’Upvet Università per le Scienze Veterinarie
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Siamo di fronte ad un’emergenza sanitaria completamente nuova e senza precedenti, che coglie alcune strutture impreparate e con difficoltà nel reperimento di risorse e personale medico, anche per le pessime scelte del passato. La proposta del governatore veneto Zaia di ‘reclutare’, per aiutare la collettività e accelerare i tempi dei tamponi, anche i medici veterinari non mi sembra affatto insensata. Capisco sul tema l’ironia di Crozza che di professione fa il comico e, dunque, il suo mestiere è far ridere. Ma mi sento di dare garanzie sul fatto che un veterinario è assolutamente in grado di effettuare un tampone, o di imparare rapidamente come si faccia correttamente. Siamo chiamati, da sempre, ad eseguire mansioni ben più complesse e impegnative e affrontare problematiche legate alle pandemie (non a caso Ilaria Capua è una veterinaria) e gli istituti zoo profilattici sono in prima linea nella gestione dei test sul Covid. Non si può essere ipocriti: effettuare un tampone su un umano per i veterinari non rappresenta affatto una difficoltà. Altro discorso è riuscire invece ad avere la copertura legislativa e assicurativa necessaria per tutti i medici. Ma se l’obiettivo è salvare vite umane e aiutare la collettività, ritengo che questo impedimento di natura giuridica possa essere affrontato e risolto senza difficolta’”. È quanto sostiene il medico veterinario Maurizio Albano, responsabile relazioni esterne dell’Upvet Università per le Scienze Veterinaria

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»