Dl Sostegni bis, cambiano i ristori: acconto e poi saldo sul bilancio

Passa la linea del ministro Giorgetti. Previsti anche aiuti ai Comuni a rischio default
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Cambia il meccanismo per calcolare i ristori per le imprese. Secondo quanto si apprende è passata la proposta del ministro Giancarlo Giorgetti, che da giorni preme per un indennizzo calcolato in due tempi. Il meccanismo dei contributi dovrebbe essere basato nell’immediato con un acconto sempre sulla perdita di fatturato dell’intero 2020 rispetto al 2019, o in alternativa l’azienda può scegliere come parametro il periodo compreso tra il primo aprile 2020 e il 31 marzo 2021, in confronto con lo stesso lasso di tempo tra il 2019 e il 2020. Poi arriverà un saldo a fine anno ricalcolando le perdite sui bilanci. Si tratta di uno schema in grado di garantire una sorta di perequazione, che tiene conto dei costi fissi sostenuti dalle imprese, con una attenzione al dato del margine operativo lordo e all’utile. L’accordo è stato raggiunto nel corso del vertice a Palazzo Chigi con il premier Mario Draghi e il ministro dell’Economia Daniele Franco.

LEGGI ANCHE: Dl Sostegni, dallo stop Imu agli aiuti ai separati: le misure al Senato

AIUTI PER I COMUNI A RISCHIO DEFAULT

Il decreto Sostegni bis che sta preparando il governo dovrebbe contenere anche una norma contabile in favore dei comuni in difficoltà finanziaria che, dopo l’ultima sentenza della Corte Costituzionale, rischiano il default. La Corte, infatti, aveva bocciato la misura che consentiva di ripianare il deficit in 30 anni.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»