Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Lavoro, Confindustria: “Col ritorno ai licenziamenti nessuna emorragia”. I sindacati insistono sulla proroga del blocco

La direttrice generale di Confindustria Francesca Mariotti in audizione alla Camera assicura che con lo sblocco ci sarà solo un "aggiustamento fisiologico". Ma la Cgil chiede di estendere l'impossibilità di licenziare fino al 31 ottobre
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Con la fine del blocco dei licenziamenti “non c’è da aspettarsi un’emorragia di lavoratori, ma un aggiustamento fisiologico”. Lo ha detto la direttrice generale di Confindustria, Francesca Mariotti, in audizione alla Camera sul decreto Sostegni bis. “Abbiamo più volte ribadito la necessità che le soluzioni agli attuali problemi debbano essere individuate attraverso un costante confronto con le forze economico-sociali. Ciò presuppone chiarezza nei rapporti tra governo e parti sociali, per evitare incertezze e gestire in maniera efficace le transizioni”. Sul blocco dei licenziamenti, ha spiegato Mariotti, c’è stata una scelta “incoerente rispetto a questo approccio. Solo dopo il Consiglio dei ministri, e anche per la decisa opposizione di Confindustria, è stato possibile evitare l’ulteriore, incondizionato protrarsi della situazione di congelamento legata al binomio cassa Covid-blocco dei licenziamenti”. Il divieto di licenziare “rappresenta un’eccezione nel panorama europeo che, ove protratta oltre la fase acuta dell’emergenza, può seriamente ostacolare i processi di riorganizzazione e riallocazione dei lavoratori tra imprese, con conseguenti effetti negativi sul mercato del lavoro e, quindi, sulle stesse assunzioni”, conclude Mariotti.

LEGGI ANCHE: Dl sostegni bis, Draghi: “Paese riapre senza lasciare indietro nessuno”

LA CGIL INSISTE: “REINSERIRE IL BLOCCO DEI LICENZIAMENTI FINO AL 31 OTTOBRE”

Una posizione differente, ovviamente, da quella dei sindacati. “L’elemento più negativo del dl Sostegni bis è l’assenza della proroga del blocco dei licenziamenti: chiediamo al Parlamento di reinserirla fino al 31 ottobre, scadenza già individuata per alcuni settori. L’esigenza di protezione del lavoro non è venuta meno, anzi, in questa fase va rafforzata”. Lo ha detto la vice segretaria generale della Cgil Gianna Fracassi nel corso dell’audizione di questa mattina alla Camera sul decreto Sostegni bis. “La nostra richiesta di proroga – ha sottolineato – è legata innanzitutto ad un intervento strutturale e universale degli ammortizzatori sociali e delle politiche attive, ma anche ad interventi sulla formazione permanente e di contrasto alla precarietà. Questi elementi devono camminare insieme. Non ci può essere ripresa e sviluppo se si lasciano sole le persone e non si garantisce la coesione sociale“.

LEGGI ANCHE: Landini attacca il Governo: “Sblocco licenziamenti uno schiaffo al mondo del lavoro”

“RIVEDERE IL REDDITO DI CITTADINANZA”

In merito alle misure finalizzate al contrasto della povertà, la vice segretaria ritiene “positiva la proroga del reddito di emergenza, ma occorre rivedere in termini strutturali il reddito di cittadinanza per migliorarne le caratteristiche e allargare i parametri anche ai beneficiari del Rem”. Inoltre secondo la dirigente sindacale “nel decreto ci sono misure che entrano in collisione con il Patto per la Scuola. Limitazioni all’assunzione rapida dei precari che impediscono un obiettivo importante: coprire le 112 mila cattedre in organico di diritto vuote al primo settembre”. Infine “quanto previsto a sostegno delle imprese va raccordato con interventi di politiche industriali, solo così si potranno rafforzare le filiere e ridefinire le specializzazioni produttive, e soprattutto con il Pnrr. Al momento assistiamo a misure che mancano di questo elemento strategico e di visione. Più che incentivi, servono investimenti pubblici e privati per creare lavoro. Vogliamo un Piano straordinario per l’occupazione nei settori pubblici e condizionalità per quelli privati. In questa prospettiva – conclude Fracassi – serve una nuova politica industriale”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»