Reddito di dignità. M5S: “Emiliano sia chiaro con le cifre”

BARI - Oggi durante la seduta congiunta fra la III e
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

CdG-regione-puglia1BARI – Oggi durante la seduta congiunta fra la III e la VI commissione, si è svolta la discussione iniziale sul ddl reddito di dignità. Intervengono nel merito i consiglieri M5S membri delle suddette commissioni Gianluca Bozzetti, Mario Conca, Grazia Di Bari, e Marco Galante.

   “Lo stesso assessore Negro, è intervenuto in rappresentanza del governo, confermando tutte le nostre perplessità, ovvero che non si può enfatizzare la portata di questo provvedimento che non risolve il problema della disoccupazione e che non deve essere considerato uno strumento di inclusione lavorativa. E come è possibile lavorare seriamente ad un provvedimento – proseguono i cinquestelle – se non si conosce neanche chiaramente il numero dei beneficiari: prima ne sono stati annunciati 60.000 poi sul DEFR ne sono stati individuati la metà,  30.000 nel triennio, e addirittura solo 7.000 nel 2016”.

   “Ma allora- aggiungono- ci chiediamo e chiediamo per l’ennesima volta a questo governo: quando si inizierà a lavorare a provvedimenti seri senza continuare a varare provvedimenti spot solo per guadagnarci qualche titolo di giornale? Se non si possono risolvere i problemi si perde solo tempo, soldi pubblici e si illude la popolazione pugliese. Non a caso ribadiamo da tempo che se l’obiettivo di Emiliano era quello di emulare il reddito di dignità del M5S purtroppo è ben lontano dal traguardo: il nostro reddito di cittadinanza è una vera e propria manovra economica con lo scopo di attuare l’inclusione sociale dei beneficiari, a cui viene data la possibilità di formarsi e di avere un lavoro”.

   “Ovviamente per il bene dei pugliesi – concludono – continueremo a lavorare per cercare di migliorare questo provvedimento, ci auguriamo solo che almeno questa volta la maggioranza di Emiliano non dica come al solito “no” a tutte le nostre proposte solo per seguire delle cieche strategie di partito che poco servono alla nostra Regione.”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»