Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Oltre 50 scuole per il premio a tema Europa dell’Associazione ex consiglieri Regione Campania

arec
Giunta alla sua diciassettesima edizione anche quest'anno l'appuntamento ha premiato gli studenti campani più meritevoli
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “È un premio che ormai ha raggiunto la sua 17esima edizione, è un appuntamento tradizionale che l’Arec fa e rivolge ai giovani, a tutte le scuole della Campania, individuando, su tre tracce relative all’Europa, i ragazzi più meritevoli”. Così Vincenzo Cappello, presidente dell’associazione ex consiglieri Regione Campania, a margine della consegna, in aula Siani del Consiglio regionale campano, dei premi Campania Europa 2021 e ‘Sossietta Scialla’. “Abbiamo coinvolto gli istituti – aggiunge – con un bando che pubblichiamo a gennaio: loro selezionano i migliori alunni per farli partecipare. Le scuole partecipanti – evidenzia Cappello – sono state circa una cinquantina su tutto il territorio regionale“. Alla premiazione hanno partecipato la vicepresidente del Consiglio regionale della Campania Loredana Raia, i componenti del Consiglio direttivo dell’Arec, il presidente della commissione Carmine Iodice, e Giuseppe Scialla per l’Istituto di Cultura Sossietta Scialla.

RAIA: “CON AREC SI PARLA A RAGAZZI DI EUROPA, AMBIENTE E DIRITTI

“Credo che l’Arec faccia un’opera meritoria nei confronti di questi ragazzi, proponendo ancora una volta il premio Campania Europa accompagnato dal premio speciale Sossietta Scialla per sei studenti – delle 5 province e della città di Napoli – oltre ai 15 delle diverse province più la città di Napoli”. Lo dice Loredana Raia, vicepresidente del Consiglio regionale della Campania, a margine della premiazione in aula Siani del Consiglio regionale campano. “Si parla di Europa, di ambiente, negli elaborati di quest’anno – prosegue – anche la pandemia ha avuto un largo spazio. Parlare agli studenti di Europa, di salvaguardia dell’ambiente, di diritti di parità, parlargli di federalismo in termini europeisti, così come parlargli della salvaguardia delle diverse culture, significa – conclude Raia – offrire ai nostri ragazzi strumenti di crescita sana e consapevole”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»