fbpx

Tg Politico Parlamentare, edizione del 9 aprile 2020

DIE WELT CONTRO L’ITALIA, LA MAFIA VUOLE I SOLDI EUROPEI

“Signora Merkel sia incrollabile. In Italia la mafia aspetta i soldi europei”. E’ l’attacco all’Italia del quotidiano tedesco ‘Die Welt’, che in un editoriale pubblicato questa mattina, invita la Cancelliera a respingere la richiesta di introdurre gli eurobond come strumento per far fronte alla pandemia da coronavirus. Pronta la replica del ministro degli Esteri Luigi Di Maio, che sottolinea come si tratti di “un’affermazione vergognosa e inaccettabile” da cui “il governo tedesco deve prendere subito le distanze”. Per Matteo Salvini si tratta di “parole schifose”, mentre il presidente della commissione Antimafia Nicola Morra ricorda come i capitali delle mafie spesso siano ben accolti proprio in Germania e in Olanda. Il Pd con Marco Furfaro esige rispetto: “Per i morti e per chi combatte in prima linea”.

VERSO LE NUOVE REGOLE, RIAPRONO ALCUNE ATTIVITA’

Calano i contagi e si alza il pressing di Confindustria sul governo. Gli industriali chiedono a Giuseppe Conte di riaprire il prima possibile le fabbriche, in particolare al Nord. E il presidente del Consiglio, in una intervista alla Bbc, fa un’apertura in questo senso. Dopo Pasquetta entrera’ in vigore il nuovo dpcm che Conte firmera’ probabilmente entro sabato. Di certo non si tratterà di un ‘liberi tutti’. Per le persone dovrebbero restare in vigore le attuali misure di contenimento del contagio almeno fino al 4 maggio. Mentre per alcune attivita’ di impresa saranno revocati gli obblighi di chiusura.

PASSA IL CURA ITALIA MA SALTA L’UNITA’ NAZIONALE

Passa il decreto cura Italia al Senato ma va in frantumi il patto tra governo e opposizioni, sempre che ci sia mai stato. Nonostante gli appelli all’unità fatti dal Capo dello Stato, maggioranza giallorossa e centrodestra ancora una volta si dividono sulle misure economiche per fronteggiare l’emergenza innescata dall’epidemia. Per Salvini il decreto e’ una presa in giro: tardano ad arrivare i soldi delle casseintegrazioni e il governo rischia il tracollo a Bruxelles. Forza Italia denuncia la mancanza di coraggio, mentre Fratelli d’Italia denuncia il fatto che sia stato disatteso l’appello fatto dal Capo dello stato. E’ solo l’inizio della linea dura. Se il governo dovesse dire si’ al Mes – minaccia Salvini- la Lega proporra’ la sfiducia in Parlamento.

RAMPELLI: L’EUROPA CI SOSTENGA O E’ FINITA

L’Europa ha un’ultima occasione: sostenga l’Italia o si autoestingua. A parlare e’ Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera, che in un’intervista alla Dire invita il governo a farsi rispettare al tavolo di Bruxelles. Rampelli critica l’esecutivo Conte, colpevole di aver fatto fallire il confronto auspicato dal presidente Mattarella sulle misure anticoronavirus. Per Rampelli Mario Draghi non e’ l’uomo della provvidenza per l’Italia. “Non si puo’ essere rappresentanti del popolo e delle banche allo stesso tempo”, dice l’esponente di Fdi.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Guarda anche:

9 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»