Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Terremoto, Pirozzi indagato per omicidio colposo

Il sindaco Pirozzi, oggi candidato alla presidenza della Regione Lazio, è accusato, in qualità di sindaco e responsabile della protezione civile, di aver autorizzato il rientro degli inquilini nel palazzo.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi è indagato per omicidio colposo dalla Procura di Rieti. L’indagine che coinvolge Pirozzi riguarda il crollo di una delle palazzine di piazza Sagnotti nella quale, in seguito al sisma del 24 agosto 2016, persero la vita sette persone.

L’edificio di piazza Sagnotti era già stato dichiarato inagibile e sgomberato dall’ex sindaco di Amatrice, Carlo Fedeli, per i gravi danni subiti a seguito del terremoto che colpì l’Aquila nel 2009.

Secondo i magistrati, che hanno iscritto nel registro degli indagati 9 persone, i lavori per il ripristino dell’agibilità dell’edificio non avrebbero seguito le norme tecniche per le costruzioni in zone sismiche.

“In cooperazione colposa tra loro- scrivono gli inquirenti- nelle rispettive qualità e con le condotte commissive e omissive, non impedivano il crollo”.

Il sindaco Pirozzi, oggi candidato alla presidenza della Regione Lazio, è accusato, in qualità di sindaco e responsabile della protezione civile, di aver autorizzato il rientro degli inquilini nel palazzo.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»