VIDEO | Anche una serie di francobolli per celebrare Fra’ Gerardo

Moriva 900 anni fa il fondatore e primo Gran maestro del Sovrano Ordine di Malta
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Il 3 settembre sono stati celebrati in tutto il mondo i 900 anni dalla morte di Fra’ Gerardo, il fondatore e primo Gran maestro del Sovrano Ordine di Malta.

Riconosciuto beato dalla Chiesa Cattolica, l’esempio di Fra’ Gerardo, basato sulla testimonianza della fede e l’aiuto ai poveri, ha animato i 900 anni di storia dell’Ordine di Malta, oggi presente in 120 Paesi del mondo con attività di assistenza medica e sociale svolte da una rete di 13.500 membri, 80.000 volontari e oltre 40.000 professionisti. Per commemorare questa giornata, si è svolta il giorno stesso una solenne celebrazione eucaristica a Scala, in provincia di Salerno, ritenuta da diversi storici la città natale di Fra’ Gerardo. La messa è stata presieduta dal cardinale Giovanni Angelo Becciu, delegato speciale del Papa presso il Sovrano Ordine di Malta, alla presenza di una rappresentanza dell’Ordine di Malta guidata dal luogotenente interinale, fra’ Ruy Goncalo do Valle Peixoto de Villas Boas. Presente anche il ministro della Salute, Roberto Speranza, che ha rappresentato il governo italiano. Le celebrazioni sono proseguite nel pomeriggio con la presentazione nella piazza del Municipio della serie di francobolli celebrativi dedicati a Fra’ Gerardo emessi dallo Stato italiano e prodotti dalle Poste Italiane, seguita da un concerto del celebre violinista Uto Ughi.

LA STORIA

Fra’ Gerardo è nato nel 1040 circa, una volta adulto si è trasferito a Gerusalemme dove, nella seconda metà dell’undicesimo secolo, è divenuto il superiore dell’ospedale che offriva assistenza ai pellegrini costruito dagli Amalfitani. Fondatore e primo Gran Maestro dell’allora Ordine di San Giovanni (oggi noto come Sovrano Ordine di Malta), fu grazie alla sua riconosciuta azione caritatevole e al suo carisma che, con la bolla del 15 febbraio 1113, Papa Pasquale II trasformò l’ospedale in ordine religioso laicale della Chiesa.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

8 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»