Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Violenza sugli animali, maiali castrati senza anestesia nel forlivese

Scoperti dai carabinieri due allevamenti di suini con gli animali lasciati senza acqua e ammassati nei box con anche quelli malati.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FORLì – Due allevamenti di suini con gli animali lasciati senza acqua e ammassati nei box con anche quelli malati. E le vasche per la raccolta dei reflui sprovviste dei requisiti di legge. Li hanno scoperti in provincia di Forlì-Cesena i Carabinieri Forestale di Santa Sofia, assieme al servizio veterinario della Ausl Romagna.

Numerose appunto le violazioni accertate alle normative sul benessere dei suini e la gestione dei reflui zootecnici.

Alcuni esemplari di maschi adulti presentavano ferite sul posteriore ed evidenti gonfiori, in quanto sottoposti a astrazione chirurgica senza trattamento anestetico con notevoli sofferenze inflitte agli animali. Al termine dei controlli gli animali sono stati sottoposti a sequestro penale e un veterinario responsabile del benessere degli animali in allevamento è stato deferito all’autorità giudiziaria per l’ipotesi di maltrattamento di animali.

Altri soggetti sono sottoposti a indagini e sono inoltre state elevate sanzioni
per circa 16.000 euro. Sono state inoltre eseguite alcune perquisizioni in allevamenti e studi veterinari disposte dalla Procura della Repubblica di Forlì.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»