Centrale del tennis, verso la copertura dello stadio

"Dobbiamo avere il coraggio, la forza e
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

centrale di roma“Dobbiamo avere il coraggio, la forza e il denaro per chiudere il Centrale”. I primi due elementi “li abbiamo”, quanto alle risorse “le troviamo attraverso dei piani di investimento”. E’ quanto ha detto oggi il presidente del Coni, Giovanni Malago’, durante la presentazione della 72esima edizione degli Internazionali di tennis di Roma, a proposito della copertura del campo Centrale del Foro Italico. Questa struttura, aggiunge, “non puo’ esistere solo per dieci giorni l’anno durante il torneo o per qualche partita di beach volley e per i concerti, ma vorrei sfruttarla dall’1 gennaio al 31 dicembre. Roma come citta’ ha bisogno di un impianto con questa capienza, a prescindere dalla candidatura olimpica, e vi dico che questa copertura la faremo”.

Infatti, spiega il presidente del Coni, “ci siamo impegnati a creare una conferenza dei servizi con il ministero del Beni culturali, la Regione e il Comune. Siamo a buon punto: il tavolo verra’ convocato in massimo due o tre settimane, e appena arriveranno tutte le autorizzazioni definitive potremo partire”. Bisognera’ pero’ “rispettare l’aspetto paesaggistico e se serve anche ritoccare la struttura”. Malago’ ribadisce che “la copertura del Centrale prescinde da come andra’ la candidatura di Roma ai Giochi olimpici del 2024, ma eventualmente costituira’ un asset importante per il bid”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»