Porti. Santoro: “Dragaggi diventino elemento di manutenzione ordinaria”

TRIESTE - "I dragaggi devono divenire un elemento ordinario di
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

santoroTRIESTE – “I dragaggi devono divenire un elemento ordinario di manutenzione degli accessi marittimi ai porti commerciali e turistici e oggi la consegna di nuovi lavori di intervento nel canale di Lignano ne sono una prova“. L’assessore regionale alle Infrastrutture e Territorio del Friuli Venezia Giulia, Mariagrazia Santoro, commenta così la consegna degli interventi di dragaggio che interesseranno un tratto del canale di Lignano per 1400 metri di lunghezza e 60 metri di larghezza.
Il flusso delle maree e le mareggiate invernali provocano periodicamente accumuli di sedimenti che riducono la profondità dei fondali e ciò rende necessari interventi annuali di manutenzione per il formarsi di sbarramenti, che causano problemi di sicurezza per i natanti in transito.
In particolare l’intervento di dragaggio effettuato lo scorso anno si è rivelato strategico per limitare i danni alla spiaggia causati dalle ultime mareggiate, ma per garantire la completa navigabilità del canale, i tecnici regionali hanno pianificato una serie di interventi pluriennali.
Gli interventi periodici ci consentono di garantire e mantenere nel tempo le necessarie quote batimetriche – prosegue Santoro – in particolare nel tratto maggiormente soggetto ad un periodico interramento“.
L’intervento previsto, che si intende attuare per due annualità successive nel 2016 e 2017, ha questo scopo e risulta analogo a quelli realizzati dall’Amministrazione regionale nel 2014 e 2015, sia per le modalità operative che prevedono il riutilizzo dei materiali a ripascimento dell’arenile, che per le aree interessate e i quantitativi di sedimenti da dragare.
L’appalto è stato aggiudicato alla Costruzioni Cicuttin Srl di Latisana con l’offerta economicamente più vantaggiosa. L’importo lavori per il biennio è pari a 590.021 euro per una durata dell’appalto di 30 giorni all’anno.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»