hamburger menu

Oblio oncologico, la storia di Lucia: “Discriminata nei concorsi perché ho avuto il tumore”

"I casi come il mio non sono tutelati dalla legge", racconta Lucia Palermo, "io non so quale possa essere la soluzione ottimale ma quel che posso assicurare è che non starò zitta"

Pubblicato:07-12-2023 16:53
Ultimo aggiornamento:07-12-2023 16:53
Canale: Campania
Autore:
Lucia
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

NAPOLI – “Oggi più che mai sento il bisogno di spiegare bene il problema che mi porta a festeggiare questa vittoria con l’amaro in bocca”. Esordisce così il nuovo video pubblicato da Lucia Palermo, 30enne originaria di San Marco Evangelista (Caserta), autrice della petizione lanciata l’estate scorsa su Change.org per eliminare le discriminazioni per gli ex pazienti oncologici nei concorsi pubblici, petizione che nel frattempo ha raccolto quasi 60mila firme. Commentando la notizia dell’approvazione della legge sull’oblio oncologico Lucia, che a settembre era stata ricevuta dal presidente della commissione Affari Sociali alla Camera Ugo Cappellacci, spiega che “nei concorsi ai quali io ho sempre fatto riferimento ovvero quelli nelle Forze dell’Ordine, di Polizia e Forze Armate, esiste un limite d’età che varia dai 25 ai 32 anni circa che varia a seconda del concorso. Con la legge sul diritto all’oblio oncologico come è stata approvata situazioni come quelle da me portate alla luce non ottengono tutela, questo perché un’attesa di 5 o 10 anni non tutela quelle persone che vogliono partecipare ai concorsi cui accennavo“. “Mi è stato detto – aggiunge Lucia – che da oggi si cercherà di lavorare sulla questione da me sollevata per trovare la soluzione ottimale. Ecco, io non so quale possa essere la soluzione ottimale ma quel che posso assicurare è che non starò zitta. Porterò avanti la raccolta firme su Change.org oggi più che mai affinché queste promesse vengano realmente mantenute. Quindi scusate se oggi, anziché festeggiare, sono qui a rendere il mio messaggio condivisibile per chiedervi di diffonderlo come meglio potete e affinché l’entusiasmo che molti manifestano oggi non oscuri quella lotta che per molti di noi ancora prosegue per rendere questa legge realmente una tutela per tutti”.

Palermo torna a chiedere di rivedere le norme per cui lei come tanti altri siano stati esclusi da concorsi pubblici perché hanno avuto un tumore. “In un certo senso – le sue parole – le norme equiparano chi ha avuto un tumore a un pregiudicato e questo non è giusto. Dopo aver superato il cancro al seno nel 2021, sono stata dichiarata non idonea in un concorso pubblico per psicologo nella Guardia di Finanza perché ero una ex paziente oncologica. Ero stata operata d’urgenza e sottoposta a chemioterapia e radioterapia neoadiuvante, cioè per pura prevenzione. Io, oggi, seguo la terapia ormonale e sto bene”. “Dopo anni di studio, master, impegno, ho visto il mio sogno infrangersi perché – spiega nel testo della sua campagna e nel video-appello che la accompagna, entrambi rivolti a Governo e Parlamento – ho avuto una malattia. I concorsi pubblici hanno un limite di età, quindi non potrò più partecipare. Vi chiedo una mano affinché possiamo cambiare la normativa e impedire a queste ingiustizie di ripetersi per tutte le persone come me”.

“Il decreto in questione, a cui il bando fa riferimento, equipara – evidenzia Palermo – chi sopravvive al cancro alla mammella a chi è ancora malato. Ritenendo quindi il post-cancro incompatibile con la vita militare. Ma se ho superato tutte le prove mediche, psicoattitudinali e fisiche, e se ci sono diversi oncologi che hanno scritto nero su bianco quanto io sia pienamente in salute e in grado di svolgere qualsiasi attività senza alcun problema, questa è una pura discriminazione burocratica. Penso sia necessario modificare questo decreto, visto che oggi chi sopravvive al cancro ha un’aspettativa di vita pari a chi non ha mai avuto un tumore. Penso serva a tutte le donne che in futuro avranno il mio stesso problema ed il mio stesso sogno. Finché le leggi continueranno a rendere un inferno la vita di chi ha lottato contro un cancro, allora. Io so che ormai il mio sogno si è infranto a causa di una malattia che non ho scelto di avere ma che tuttavia ho affrontato e superato, se sono qui oggi è perché vorrei cambiare il futuro di una successiva Lucia che avrà il mio stesso sogno e purtroppo la mia stessa malattia. Non vorrei – conclude – che vivesse anche lei sulla sua pelle questa discriminazione come l’ho vissuta io”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2023-12-07T16:53:32+01:00