Comune di Roma, anche Romeo indagato per abuso d’ufficio

L'ex capo del Personale del Comune di Roma sarà sentito in merito alle nomine in Campidoglio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – Salvatore Romeo finisce nel registro degli indagati della Procura di Roma: l’accusa, per lui come per la sindaca Virginia Raggi, è di abuso d’ufficio. Domani l’interrogatorio.

L’ex capo del Personale del Comune di Roma sarà sentito in merito alle nomine in Campidoglio.

LEGGI ANCHE Virginia Raggi indagata per la nomina del fratello di Marra, lei: “Ho già avvisato Beppe Grillo”

FRONGIA: IL RAGGIO MAGICO NON E’ MAI ESISTITO

“Sono rimasto solo io? Sembra quasi il titolo di un film epico. Siamo rimasti in tanti nella squadra, stiamo lavorando e oggi presentiamo un regolamento degli impianti sportivi comunali secondo me rivoluzionario”. Cosi’ l’assessore allo Sport di Roma, Daniele Frongia, risponde a chi gli chiedeva dell’inchiesta su Salvatore Romeo e delle indagini che coinvolgono a questo punto tre componenti su quattro della chat ‘Quattro amici al bar’ tra il sindaco Virginia Raggi, Raffaele Marra, lo stesso Romeo e Frongia. “Siamo molto concentrati su Roma e su risultati concreti. ‘Quattro amici’ o il ‘Raggio magico’ in realta’ non sono mai esistiti. Abbiamo sempre lavorato come una squadra molto allargata- ha aggiunto a margine della commissione Sport- Quindi viene proprio a mancare il presupposto di base”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»