Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Non solo 100 euro, ecco tutte le sanzioni per chi non si vaccina

primo giorno green pass a Bologna
Nel mezzo delle polemiche sulle sanzioni ai no vax, da Palazzo Chigi arriva una precisazione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Chi non si vaccina non rischia solo 100 euro. Nel mezzo delle polemiche sulle sanzioni ai no vax, da Palazzo Chigi arriva una precisazione: oltre ai 100 euro, sono previste ulteriori sanzioni in funzione del ruolo che riveste chi, a vario titolo, è obbligato alla vaccinazione e non l’ha fatta. In particolare:

OBBLIGO VACCINALE, LE SANZIONI PREVISTE DAL DL

  • 100 euro per il solo fatto di non sottoporsi alle somministrazioni pur essendo obbligati (perché ultra 50enni);
  • Sospensione dal lavoro, senza retribuzione, se l’obbligato al vaccino è un lavoratore;
  • Sanzione da 600 a 1500 euro se l’obbligato al vaccino è colto sul luogo di lavoro senza green pass rafforzato (da vaccinazione o da guarigione). In caso di reiterata violazione la sanzione è raddoppiata.

LE ULTERIORI SANZIONI

Queste sanzioni si aggiungono a quelle già contemplate dalle norme che hanno prescritto il green pass “rafforzato” per accedere a determinati servizi e attività (ad esempio, ristoranti, palestre, treni, autobus, cinema, teatri, stadi ecc.). In questi casi, infatti, chi è tenuto al Green pass rafforzato e quindi alla vaccinazione (indipendentemente dall’età) soggiace a sanzione da 400 a 1000 euro se colto senza green pass rafforzato nei luoghi nei quali è necessario.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»