Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Bassetti e Burioni contro la sanzione ai no vax: “Cento euro? Ridicolo e grottesco”

obbligo vaccinale
Secondo i due medici, la sanzione stabilita dal Governo per gli over 50 che rifiuteranno l'obbligo vaccinale è troppo bassa
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La sanzione prevista per chi non si vaccina è di 100 euro una tantum. Quando l’ho letto non volevo crederci”. La decisione del Governo di introdurre l’obbligo vaccinale per gli over 50 e di prevedere una sanzione economica per chi non lo rispetterà non convince Matteo Bassetti. Il direttore della Clinica di malattie infettive al San Martino di Genova attacca gli ultimi provvedimenti stabiliti dall’esecutivo Draghi: “Al vaccinato con tre dosi che non si metteva mascherina per fare gli acquisti di Natale 400 euro di multa e per chi non si vaccina e affolla i nostri ospedali 100 euro. Davvero ridicolo – scrive Bassetti su Facebook – Gli altri Paesi hanno messo sanzioni più pesanti. Noi siano sempre gli stessi: forti con i deboli che si vaccinano e seguono le regole e deboli con i forti (si fa per dire) che non si vaccinano e non seguono le regole. Non è un obbligo vaccinale, ma una presa in giro per chi si è vaccinato“, conclude l’infettivologo.

LEGGI ANCHE: Grillo: “Obbligo vaccinale evoca immagini orwelliane. Rispettare libertà degli individui”

Una posizione simile è quella di Roberto Burioni. Il virologo del San Raffaele di Milano twitta: “Dare a chi evade l’obbligo vaccinale una multa (100€) una tantum più o meno equivalente a due divieti di sosta (41€x2) rende l’obbligo stesso una grottesca buffonata. Dispiace vederla arrivare da un governo che si credeva serio. Spero di avere capito male”.

LEGGI ANCHE: Zaia: “L’obbligo vaccinale è inattuabile e non risolve il problema sanitario”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»