Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Rai e ActionAid, in onda solidarietà e diritti/FOTO

Quando un sms può aiutare a combattere la fame nel mondo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

cooperazione_rai3

ROMA – Si può combattere la fame, in Etiopia, India o Mozambico, anche con un sms: è la convinzione e l’impegno di ActionAid, ong promotrice di una campagna condotta negli ultimi tre anni anche grazie a una collaborazione con la ‘Rai’. Un percorso comune, che sarà raccontato sabato prossimo alle 15 su ‘Rai1’ con lo speciale ‘Cibo per tutti‘. “Nel corso di questi tre anni insieme abbiamo lavorato per sensibilizzare il pubblico sui temi della diseguaglianza e della povertà, facendo crescere la consapevolezza sull’importanza delle nostre scelte quotidiane” spiega alla Dire Marco De Ponte, segretario generale di ActionAid Italia. “La collaborazione con il servizio pubblico ha prodotto risultati concreti e potrà produrli anche in futuro”.

Sulla stessa linea Andrea Fabiano, il direttore di ‘Rai1’: “E’ una vocazione che abbiamo da sempre e che cerchiamo di accentuare anche cercando formule nuove per raccontare e spingere gli italiani a essere generosi, come si dimostrano sempre quando sono sollecitati”. Grazie all’invio degli sms al 45506 è stato possibile finanziare progetti in Brasile, Italia, India, Etiopia e Mozambico. Solo nel 2015 gli interventi per la sicurezza alimentare hanno aiutato 500 donne con le loro famiglie nello Stato indiano del Tamil Nadu. In Etiopia è stato invece garantito accesso all’acqua potabile e sono state costruite docce pubbliche a beneficio di 7 mila abitanti nel distretto di Azernet: il progetto ha fatto diminuire l’incidenza delle malattie provocate dall’acqua contaminata. La campagna di Action Aid si nutre del legame tra Nord e Sud del mondo. Solo lo scorso anno in Italia sono stati formati e sensibilizzati allora 20 mila studenti e insegnanti di 170 scuole sui temi del diritto al cibo e degli sprechi alimentari. I più piccoli sono stati coinvolti con un progetto ad hoc, “Io mangio tutto”.

di Vincenzo Giardina, giornalista professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»