Coronavirus, la Thailandia blocca sbarco di nave da crociera a Phuket. A bordo 64 italiani

La Costa Fortuna trasporta oltre 1600 passeggeri. A bordo ci sono 64 italiani e la Thailandia ha deciso di non autorizzare lo sbarco
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Una nave da crociera della Costa Crociere è stata bloccata stamattina una volta arrivata all’isola thailandese di Phuket: non è stata autorizzata far sbarcare equipaggio e passeggeri. La misura? È un provvedimento cautelare applicato dalla Thailandia per proteggersi dalla diffusione del coronavirus. Anche se a bordo, riferisce il direttore generale della Costa Crociere, Neil Palomba, non c’è nessun caso né sospetto né positivo di coronavirus. La presenza di 64 italiani a bordo – su una nave che porta complessivamente 1.631 passeggeri e 984 membri dell’equipaggio- sarebbe bastata a far negare lo sbarco.

Della situazione il responsabile ha riferito con un video pubblicato sui social, sottolineando di voler smentire alcune ricostruzioni di stampa. “Non c’è nessun caso di coronavirus sulla nostra nave Fortuna, che è arrivata a Phuket stamane dopo aver avuto ieri le autorizzazioni richieste per approdare” ha detto Palomba.

“All’arrivo la nave non ha avuto le stesse autorizzazioni e le autorità non hanno permesso la discesa, nonostante non ci sia nessun caso né sospetto né positivo né su Costa fortuna né su nessun’altra nave della flotta”.

LEGGI ANCHE: Dalle Figi all’Angola, ecco chi blocca gli italiani per l’emergenza coronavirus

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»