Contro Sanremo non c’è magia che tenga, il 6 febbraio niente Harry Potter su Italia 1

Al suo posto Terminator 2
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – I fan del piccolo mago nato dalla penna di J. K. Rowling sono in rivolta. Il motivo? La cancellazione improvvisa nella programmazione di Italia 1 del 6 febbraio di “Harry potter e il calice di fuoco”, quarto episodio della saga. La causa di tale decisione è molto probabilmente da imputare all’inizio, nello stesso giorno, della kermesse canora più famosa d’Italia: il Festival di Sanremo.

Harry Potter a quanto sembra abbassa la bacchetta o meglio l’abbassa Mediaset che rinuncia in questo modo a una controprogrammazione minimamente competitiva, per trasmettere l’oramai superdatato “Terminator 2”. Ok, direte voi, ma anche la saga di Harry Potter inizia ad avere una certa età. Corretto, eppure le avventure del piccolo mago non smettono di appassionare i tanti fan. L’appuntamento settimanale del martedì di Italia 1  sta registrano un buon seguito di pubblico totalizzando,  dal 16 gennaio (giorno di inizio programmazione della saga), circa 2 milioni di telespettatori per film.

Cosa vuol dire che stasera non c’è Harry Potter in tv per colpa di Sanremo? Ma io vi uccido

— jylan; ? (@ehymendesx) 6 febbraio 2018

Ho letto che stasera non ci sarà Harry Potter su Italia Uno pic.twitter.com/PlVVBAUwhy

— ★Silvia★ (@Silvia3392) 6 febbraio 2018

Avviso per chi stasera si aspettava di vedere #HarryPotter in TV. ?
Al suo posto c’è #Sanremo2018 ?#6febbraio pic.twitter.com/KkNZK03B6z

— Silmarien (@Irene_Silmarien) 6 febbraio 2018

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»