Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Terra fuochi, una mamma: “Le istituzioni perdono tempo, mentre i bimbi…”/FOTO

La madre denuncia:" C’è una nuova emergenza mortalità di bambini, dobbiamo impedire che continuino ad ammalarsi"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “Da novembre c’è una nuova emergenza mortalità di bambini. I dati sono simili agli anni 2012-2013: tra i Comuni a Nord di Napoli e a Sud di Caserta, abbiamo perso tanti bambini, forse sono più di 8, e tanti ragazzi e ragazze che hanno meno di 40 anni, almeno 4″. E’ il grido di dolore di Marzia Caccioppoli, dell’associazione Noi Genitori di Tutti, una mamma della Terra dei Fuochi che ha perso nel 2012 suo figlio Antonio. “In quegli anni abitavo a Casalnuovo di Napoli – racconta la donna all’agenzia Dire -, poi sono scappata via. Non per paura, per i ricordi. Ora mi batto perché venga istituita una terapia domiciliare, i bambini devono avere il diritto di potersi curare nelle proprie case, vicino alla loro famiglia”. Da quegli anni “poche cose sono cambiate. Nella Terra dei Fuochi – dice- i roghi tossici continuano, 365 giorni all’anno, 24 ore al giorno. Nei Comuni a Nord di Napoli si muore di puzza e devi pregare il signore che quella puzza non ti faccia anche ammalare”.

Marzia Caccioppoli lancia un appello alle istituzioni “perché ci siano più vicine e ci supportino. Dobbiamo tenere sotto controllo lo stato di salute dei nostri bambini, studiando insieme terapie chelanti e facendo esami del sangue. Dobbiamo impedire che si continuino ad ammalare e invece tentativi di monitoraggio ci sono solo dal basso. Il dato è che in Campania muoiono un sacco di bambini. C’è ancora qualcuno – si chiede – che cerca un nesso di causalità con la Terra dei Fuochi? Si continua a perdere tempo e si perdono anche tante vite“. Alla mamma non convince anche il piano per la rimozione delle ecoballe messo a punto dalla Regione Campania con il sostegno economico del governo. “Onestamente – dice – non so il governatore De Luca cosa stia facendo con questi fondi: solo un movimento di ecoballe, come lo chiama lui. Quello che chiedevamo in via eccezionale era un vero monitoraggio sui nostri bambini. Purtroppo le istituzioni ci hanno illuso senza studiare con i comitati qualcosa di risolutivo, mettendo a disposizione fondi straordinari per aiutare i bambini malati e le famiglie a fare dei test tossicologici”. A Napoli, l’ultima bambina deceduta a causa di un tumore “è Sara, 12 anni, di Chiaiano. Abbiamo cercato di nasconderle quanto stava accadendo – racconta Marzia – perfino durante la terapia palliativa. Sara ci ha lasciati il 23 dicembre”.

di Nadia Cozzolino, giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»