Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

L’ordine di Roma: “Liberiamo i medici dai tamponi, ci sono gli infermieri”

tamponi covid
"Non è un atto medico", spiega il presidente Antonio Magi, "sarebbe più utile se i medici seguissero i pazienti a domicilio o nei Covid hotel"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “È arrivato il momento di liberare i medici dal fare i tamponi”. Così il presidente dell’Ordine dei medici di Roma, Antonio Magi, nel corso di un’intervista rilasciata alla Dire. “Non possiamo tenere bloccato il personale medico per fare i tamponi, in questa fase credo sarebbe più utile se i medici seguissero i pazienti a domicilio o nei Covid hotel- ha spiegato Magi- Dobbiamo liberare risorse mediche, i tamponi non sono un atto medico e possono essere eseguiti tranquillamente anche dagli infermieri. I tamponi, in particolar modo quelli rapidi, sono quasi dei ‘cotton fioc’ semplici da utilizzare”.

LEGGI ANCHE: Il tampone salivare per i bimbi inventato da 4 mamme-scienziate di UniMi

Poi, si aspettano “anche i test salivari, che semplificheranno ulteriormente la situazione- ha aggiunto Magi- ma intanto, ribadisco, iniziamo a liberare il personale medico dal fare i tamponi. È preferibile che facciano le cure a domicilio o nei Covid hotel”. Quanto ai tamponi, ha concluso, bisogna “farne tanti e servono equipe di infermieri da diffondere sul territorio”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»