Sanremo, risalgono gli ascolti: ieri 10 milioni di spettatori nella prima parte

achille_lauro_sanremo_2021
Share al 44,3% nella terza puntata del festival: 7 milioni gli spettatori complessivi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

SANREMO – La terza puntata del Festival di Sanremo, quella delle cover, fa risalire lo share. Dopo le flessioni delle prime due serate, la kermesse risale al 44,3% di media complessiva con 7milioni e 653mila spettatori. Nel dettaglio, la prima parte (quella che va dalle 21.21 alle 23.49) ha catturato 10milioni e 596mila spettatori fermandosi al 42,4%. La seconda (dalle 23.53 all’01.59) si attesta al 50,6% con 4milioni e 369mila spettatori. Sanremo torna stasera con la finale delle Nuove Proposte.

SANREMO, AMADEUS: “NON MI INTERESSANO I DATI DELLO SHARE”

“Dobbiamo dirci le cose come stanno. Si attraversa una situazione limite e non si pensa ai dati in questi casi. Non mi interessano”. Continua a ribadire la sua soddisfazione Amadeus per il Festival di Sanremo costruito in tempo di Covid. Dopo le flessioni delle prime due serate, la kermesse risale al 44,3% di media complessiva con 7milioni e 653mila spettatori. Un dato positivo per la Rai, sostenuto da quello legato al ringiovanimento del target della kermesse. “Questi ascolti- aggiunge il direttore artistico- sono straordinari, abbiamo portato i giovani su Rai1 e ci sono nove brani in classifica quest’anno, l’anno scorso erano due”.

AMADEUS: “NON VOLEVO OFFENDERE CON SEGNO CROCE A INIZIO FESTIVAL”

“Non era pensato e studiato. Non volevo offendere chi crede in un’altra religione”. Risponde così Amadeus a chi gli chiede il perché abbia scelto, durante la prima puntata, di scendere le scale di Sanremo facendosi il segno della croce. Un gesto che non è passato inosservato agli spettatori della kermesse. “Lo faccio perché sono molto credente- ha rivelato il direttore artistico- ringrazio Dio quando faccio qualcosa di importante e più volte durante la giornata. Lo ringrazio per la salute, non per gli ascolti. Lo faccio come può farlo un calciatore quando entra in campo o come può fare qualcuno di qualsiasi altra religione”.

MICHIELIN E I FIORI A FEDEZ: “GESTO NON DOVREBBE STUPIRE”

“Io e Fede facciamo una sera per uno”. Così Francesca Michielin ha colpito gli spettatori del Festival di Sanremo durante la serata delle cover andata in onda ieri, porgendo a Fedez, suo compagno di viaggio in questa edizione, i fiori ricevuti da Amadeus. Un gesto che ha scatenato i commenti sui social e le discussioni sul tema della parità dei sessi perché, come si legge in più tweet e post, non esistono cose solo da femmina o da maschio. Al festival solo le donne che salgono sul palco – cantanti in gara, ospiti e musiciste – ricevono un mazzo di fiori della città. In tanti si sono complimentati, così, con Michielin per il segnale mandato e anche Chiara Ferragni ha condiviso una storia su Instagram con la foto del gesto. Oggi, però, la cantautrice si dice meravigliata dai messaggi ricevuti: “È una cosa normale nella mia famiglia regalare fiori a prescindere dal sesso. Non dovremmo stupirci”. Regalare i fiori a Fedez, in ogni caso, “è una cosa simbolica che va ben oltre. C’è una grande battaglia da fare”, sottolinea Francesca.

STASERA SARÀ PROCLAMATO VINCITORE NUOVE PROPOSTE

Il Festival di Sanremo stasera proclama il primo vincitore di questa edizione. Si gioca in prima serata la finalissima delle Nuove Proposte, che vede protagonisti Davide Shorty, Folcast, Gaudiano e Wrongonyou. Canteranno, rispettivamente, i loro singoli: ‘Regina’, ‘Scopriti’, ‘Polvere da sparo’ e ‘Lezioni di volo’. Farà loro da madrina la direttrice d’orchestra Beatrice Venezi, che il pubblico di Rai1 ha imparato a conoscere durante le puntate di AmaSanremo andate in onda lo scorso anno.

In giuria insieme a Morgan, Piero Pelù e Luca Barbarossa, Venezi ha guidato i ragazzi in gara e stasera accompagnerà Amadeus nella conduzione della loro finale. “Sono molto emozionata- ha detto la 31enne- non sono molto avvezza ai palcoscenici televisivi ma mi sento una madrina di questi giovani che ho seguito e ai quali ho cercato di dare consigli”. Dei finalisti la musicista ha dichiarato: “Sono molto convinta dei ragazzi che sono arrivati a questo punto e non vedo l’ora di vedere la loro ultima performance”. A coronare la gara arriva Mahmood, simbolo di Sanremo Giovani e vincitore del festival del 2019. Tra gli ospiti anche Alessandra Amoroso che si esibirà con Matilde Gioli. Nuova co-conduttrice è Barbara Palombelli, giornalista e volto del programma di Canale 5 Forum. Spazio anche ai Big questa sera. Tutti e ventisei gli artisti di questa edizione si esibiranno con i loro inediti. L’appuntamento è alle 20.40.

PALOMBELLI: “MINISTERO DEL DIVERTIMENTO? GIUSTO CHE CI SIA”

Barbara Palombelli si è detta emozionantissima di partecipare in un ruolo diverso dal solito, negli anni è stata anche nella giuria di qualità. “Il festival è una grande fabbrica di serenità, è di tutti”, ha detto entusiasta a poche ore dalla diretta. “Spero che questo protocollo sanitario applicato per questa kermesse sia replicato in tutti i teatri d’Italia- ha aggiunto- mi auguro in una primavera migliore per lo spettacolo come ha auspicato il ministro Franceschini”. E la giornalista sul fatto di poter cancellare Sanremo quest’anno ha dichiarato: “Qualcuno ha proposto un ministero del divertimento, è giusto così perché la fabbrica della serenità non si deve fermare”. Stasera la Palombelli regalerà, come anticipato da lei stessa, con “un monologo in cui parlo delle donne e di me“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»