hamburger menu

Botox e filler? Non sono semplici punturine: “Fidatevi solo dei medici”

Roberto Valeriani, specialista in chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica: "Sono dispositivi medici di classe 3, devono essere effettuati solamente da medici oppure odontoiatri"

Pubblicato:05-02-2024 18:12
Ultimo aggiornamento:05-02-2024 18:12
Canale: Sanità
Autore:
VALERIANI CHIRURGO
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – “Qualunque trattamento medico deve essere effettuato in una struttura autorizzata, come studi e ambulatori medici. Non si possono eseguire trattamenti medici nei centri estetici: ci sono dei parametri da rispettare, inoltre le famose punturine di acido ialuronico sono comunque dispositivi medici di classe 3, quindi devono essere effettuati solamente da medici oppure odontoiatri“. Il dottor Roberto Valeriani, specialista in chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica, intervistato dall’agenzia di stampa Dire fa chiarezza sui trattamenti di medicina estetica che sempre più si scopre vengono effettuati illegalmente in strutture non idonee e da personale non medico.

“Prima di qualsiasi trattamento medico- precisa Valeriani- c’è una visita preliminare e un consenso informato che spiega al paziente il tipo di trattamento, i limiti e le possibili complicanze. Non sono semplici ‘punturine’. Bisogna saperle fare, sia per la sicurezza che per il risultato desiderato“.

Il medico consiglia quindi di evitare strutture non idonee che offrono ‘ritocchi facili’. E ai minorenni che vogliono avvicinarsi al mondo delle punturine, il dottor Valeriani sconsiglia vivamente di iniziare questi trattamenti ai soli fini estetici. “Se mai fosse necessario farlo, per motivi di correzione di patologie congenite oppure esiti di traumi sempre e solamente previo consenso informato firmato da entrambi i genitori”, spiega il medico. E poi aggiunge: “uno stile di vita sano, buona alimentazione ed attenzione all’esposizione solare sono ottimi alleati della medicina e della chirurgia estetica per preservare la pelle dall’invecchiamento”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2024-02-05T18:12:29+01:00