M5s, Lannutti twitta articolo su ‘Draghi e l’alta finanza massonica’

Nuova gaffe del senatore pentastellato dopo il tweet sul 'gruppo dei Savi di Sion'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Nel gennaio 2019 il senatore M5S Elio Lannutti inciampò in un tema a dir poco scandaloso, rilanciando un articolo che parlava delle “13 famiglie che comandano il mondo” derivando dal “Gruppo dei Savi di Sion”, tema legato ai famigerati ‘Protocolli dei Savi di Sion’. Si trattava di un falso creato dall’Ochrana, la polizia segreta zarista, nei primi anni del 1900, tra i testi base dell’antisemitismo vecchio e nuovo. Il post era del 20 gennaio 2019 e Lannutti, a onor del vero, all’infuriare delle polemiche, lo rimosse scusandosi: “Condividere un link non significa condividere i contenuti, da cui comunque prendo le distanze- scrisse- Ci tengo a sottolineare che non sono, ne’ sarò mai antisemita“.

Poco fa, però, Lannutti ha rilanciato sul suo profilo Twitter un pezzo preso dall’oscuro blog ‘Iacchite’, per il quale ‘la libera informazione parte da Cosenza’. Ecco, l’articolo si intitola ‘Mario Draghi, servitore dell’alta finanza massonica internazionale e dei poteri forti’.

Leggendolo si ‘scopre’ che “il 2 giugno del 1992” il presidente del Consiglio incaricato Mario Draghi “partecipa a una ‘crociera’ sul lussuoso yatch (sic) ‘Britannia’ della regina Elisabetta d’Inghilterra che incrocia a largo di Civitavecchia. Tra i passeggeri- si legge ancora- figurano i rappresentanti delle banche più importanti e dell’alta finanza ‘giudaico-anglosassone’, Barings, Barchlay’s (sic) e Warburg, il banchiere e speculatore internazionale George Soros e, per l’Italia, Mario Draghi, Beniamino Andreatta, collaboratore di Prodi, e, sembra, il ministro del Tesoro Barucci”. Forse il senatore Lannutti non ha letto bene l’articolo prima di diffonderlo sul suo account Twitter. Oltretutto, alla fine del pezzo si scopre che la fonte è ‘Il Bolscevico’, cioè l’organo del Partito marxista-leninista italiano (PMLI)2.

L’articolo è disponibile qui.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»