Pd, Carbone: contro Emiliano: “Se si sente così leader si candidi”

Carbone difende Renzi: " Tutto gli si puó rimproverare tranne che di non aver mai mostrato coraggio"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Emiliano se proprio si sente un leader dovrebbe credere un po’ di più in se stesso e candidarsi alle primarie anziché battere ritirata al primo sondaggio letto dando poi la colpa a Matteo Renzi. Da buon magistrato dubito che non abbia compreso le regole dello statuto del partito democratico”. Così Ernesto Carbone della segreteria del Pd. “È incredibile come il presidente della regione Puglia, già dirigente del Pd- prosegue-, che ha perso il referendum sulle trivelle creda di non aver mai sbagliato nulla. Di cosa vuole incolpare Renzi? Di aver perso esattamente quale elezione? Le regionali che lo hanno eletto in Puglia? Le europee da cui lui è fuggito appena sostituito dal posto di capolista? Basta ipocrisie, Renzi vi sta stretto nonostante abbia regalato percentuali di successo a questo partito sconosciute ai più. Mi spiace ma gli italiani non ci cascano al tiro al piccione. Sotto a chi tocca. Perchè tutto si puó rimproverare a Renzi tranne di non aver mai mostrato coraggio”.

MARCUCCI: “INSULTI AL PD E A RENZI, ECCO RISPETTO EMILIANO”

“Insulti al Pd e al segretario Renzi. Ecco il rispetto che Emiliano ha per per questa comunità”. Lo scrive su twitter Andrea Marcucci, senatore Pd.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»