Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Napoli, scoperta discarica abusiva di 3.000 metri quadri

Stoccati nell'area oltre 400.000 chilogrammi di rifiuti non pericolosi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Condividi l’articolo:

NAPOLI – I finanzieri del comando provinciale di Napoli hanno sequestrato a Tufino, nel napoletano, un’area recintata estesa complessivamente 3mila metri quadri dove erano stoccati oltre 400.000 chilogrammi di rifiuti speciali non pericolosi. In particolare, i militari della compagnia di Nola, nel corso di un’autonoma attivita’ info-investigativa nello specifico comparto, hanno sorpreso in flagranza di reato un individuo mentre era intento a scaricare sull’area un carico di rifiuti speciali. Il responsabile e’ stato prontamente fermato ed identificato dagli operanti.

Al termine del servizio, i finanzieri hanno posto sotto sequestro l’intera area con i rifiuti presenti, mentre il reo e’ stato denunciato all’autorita’ giudiziaria competente per violazione del testo unico ambientale. Le fiamme gialle nolane, da inizio 2018, hanno complessivamente sottoposto a sequestro 12 discariche abusive, insistenti su di una superficie pari ad oltre 26.000 mq, segnalando alle autorita’ competenti 19 responsabili ed accertando lo stoccaggio di circa 1.900 tonnellate di rifiuti speciali, delle quali 3.200 chilogrammi di rifiuti pericolosi, capaci di arrecare un danno all’ambiente.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»