Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Meloni contro Report: “Niente più inchieste, è giornalismo spazzatura”

Scintille in sala stampa a Montecitorio con il giornalista della trasmissione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Perché un trasmissione del servizio pubblico decide di fare una puntata in cui diffonde falsità e falsi numeri e si affida a un personaggio forse non obiettivo nello studio dei flussi social e sovrappone le nostre tesi a quelle di uno che entra in una Moschea e spara a 50 persone? Questa è spazzatura giornalistica e io mi vergogno di un servizio pubblico che per costruire una teoria falsifica i dati sui social. Penso sia giusto che la Rai chieda conto a Report di come utilizza il servizio pubblico e se Report ha deciso di abbandonare il giornalismo di inchiesta per fare giornalismo di teoria. Mi vergogno di un servizio pubblico cosi'”. Lo dice Giorgia Meloni durante una conferenza stampa organizzata da Fratelli d’Italia alla Camera per replicare a un servizio della trasmissione di Rai3 del 28 ottobre scorso dal titolo ‘La fabbrica social della paura’, nella quale sono stati diffusi una serie di dati relativi all’account Twitter della leader Fdi parlando di “un collegamento anomalo” tra il profilo della Meloni e quelli di ‘Trash italiano’ e della cantante Francesca Michelini e del sospetto di follower fake con una serie di retweet sincronizzati.

“Si cerca di dimostrare – sottolinea Meloni – che ci sarebbe una sorta di regia occulta internazionale che consentirebbe alla sottoscritta di diffondere i propri contenuti social, ed in particolare su Twitter, in modo anomalo: l’anomalia sarebbe quella di utilizzare account fake per ritwittare i nostri contenuti e renderli quindi piu’ visibili. Noi diciamo agli italiani ‘attenzione’, perché quello che era il principale programma di inchiesta del servizio pubblico oggi è diventata una trasmissione che fa giornalismo di teorema per colpire evidentemente gente che non gli fa simpatia e quindi è una trasmissione che va guardata con occhio critico perché credo che non si piu’ attendibile come una volta”.

Alla conferenza stampa alla Camera era presente anche il giornalista di ‘Report’ Giorgio Mottola che replica: “Ci siamo limitati a mettere in fila delle anomalie, siamo disponibili se lei volesse venire in trasmissione, stiamo facendo altri approfondimenti”. Il giornalista chiede quindi conto a Meloni del rapporto di Steve Bannon, ‘guru’ del sovranismo internazionale, con Fratelli d’Italia e l’ex ministro replica: “E’ stato ospite ad Atreju, io l’ho incontrato tre volte anche se non lo sento da qualche mese. Non ho alcun rapporto che non sia quello che si e’ visto pubblicamente, non c’e’ mai stata nessuna forma di collaborazione”. Giorgia Meloni ha infine ribadito: “Con la conferenza di oggi abbiamo voluto smentire le tesi assolutamente campate in aria di una trasmissione manipolatrice come Report. Siccome i dati sono chiaramente verificabili abbiamo dimostrato come Report in realtà abbia come interesse quello di minare la mia credibilità per sostenere tesi complottiste assolutamente campate in aria”.

LEGGI: “Io sono Giorgia, sono una donna”: la nuova hit del momento scatena i social

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»