hamburger menu

900 euro a persona per ascoltare Sadhguru. Guru o paraguru?

L'editoriale del direttore Nico Perrone

Pubblicato:04-10-2023 19:13
Ultimo aggiornamento:04-10-2023 19:13
Canale: Dal Direttore
Autore:
sadhguru screenshot yt
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – Incredibile. Si leggono queste notizie e uno pensa: Più diventi ricco e più vorresti essere povero, avere poco o niente. Alla fine, purtroppo, c’è qualcosa di ‘rotto’ nella testa che, come tutti sanno, è difficile da aggiustare. Prendiamo il caso dell’ennesimo guru indiano sbarcato in Italia che, dopo aver fatto il pienone negli Stati Uniti e in giro per il mondo, ha trovato un bel po’ di pol… poveri in spirito e felicità anche da noi. Narrano le cronache che a Milano erano tutti in fila, oltre 4mila persone pronte a pagare fino a 900 euro per ascoltare l’indiano su come si raggiunge la felicità. Ricordo che sono tantissimi, uomini dello spettacolo e del business mondiale, che nel corso della loro vita, travolti da valanghe di dollari, non hanno retto quel peso e sono corsi in India. Pure i Beatles, a suo tempo, se ne sono andati là in cerca del Nirvana (e non ridete, e soprattutto non associate quella loro ricerca con i tanti ‘condimenti’ che i nostri utilizzarono per raggiungere lo stato di grazia). Finito l’effetto, tutti tornano a casa, e quasi tutti tornano a pensare alla grana di prima e a recuperare quello che magari la gita gli ha fatto perdere. Comunque vale sempre la pena imparare qualcosa da questi signori che, beati loro, te lo dicono in faccia che non fanno niente e tu li paghi. Dei veri geni. Prendiamo quello che il nostro guru ha dichiarato alla magnifica Chiara Maffioletti del Corriere della Sera: ‘… perché tanti mi amano? Perché io amo loro. Mi stanno solo ricambiando… Essere davanti  a una folla per me è lo stesso che guardarmi da solo allo specchio, in bagno’. E speriamo che sia in piedi, diciamo noi. La gente ha bisogno di risposte… ‘perché nessuno tratta gli esseri umani da esseri umani. La parte più importante del mio lavoro è ricordare che è la cosa che più conta’. E vien da ridere, perché giudicando dal prezzo della seduta, chi ricorre al nostro, evidentemente, ha dimenticato di essere un essere umano ma qualcosa che assomiglia ad un vampiro, quella cosa che succhia sangue e vita altrui. Per il nostro guru la soluzione a tutti i nostri problemi è dentro di noi, è scelta individuale se condurre la propria vita con gioia o no….non c’è una regola, ma se tutti ne fossimo consci vorremmo vivere con gioia’. Da premio Nobel. Con tutti i problemi che abbiamo in Italia, magari ci potrebbe aiutare a trovare una soluzione. Che so, un incontro con i nostri ministri, i segretari del sindacato che vogliono far sciopero, con i lavoratori che perdono il posto di lavoro, tante belle sedute in cerca della felice soluzione, che magari è a portata di mano, gratis no. Bellissima l’ultima confessione del nostro indiano: la sua è una vocazione, una missione, un lavoro? ‘Io non ho un lavoro e non ho mai lavorato in vita mia. E non ho nemmeno una vocazione, la sola cosa che sono bravo a fare è stare fermo a non fare niente…’. Io magari ci provo, sto fermo, non mi muovo, tutti corrono ma io fermo, fisso come un palo. Se qualcuno poi mi offrisse qualcosa per mandare avanti la famiglia mi metto una tunica anch’io. Tre consigli al prezzo di uno, perché siamo consapevoli.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2023-10-04T19:13:37+01:00