fbpx

Tg Agricoltura, edizione del 4 luglio 2020

BENACQUISTA, PASCOLI E TARTUFI A CAMPOLI APPENNINO

Pochi cibi sono capaci di raccontare un territorio, come i formaggi dell’azienda Benacquista, di Campoli Appennino, fondata da una famiglia da sempre dedita alla pastorizia e alla raccolta di tartufi, che 20 anni fa ha scelto di dedicarsi all’allevamento di capre, di trasformare il latte nel caseificio artigianale, e di vendere direttamente i formaggi. Così sul versante laziale del Parco Nazionale d’Abruzzo, sono ricomparsi sapori quasi dimenticati, come la tipica marzolina.

I VINI ‘LACUSTRI’ DA TREVIGNANO DELLE CANTINE CAPITANI

Le vigne esposte al sole dall’alba al tramonto, sulle colline che guardano il lago di Bracciano, nei terreni vulcanici del parco naturale ai piedi del Monte di Rocca Romana. Qui nascono i vini della cantina Capitani, da tre generazioni dedita alla vitivinicoltura nel comune lacustre.

L’ORZO LAZIALE VALE IL 30% DEL FABBISOGNO PERONI

600 aziende agricole del Lazio con 7.100 ettari di terreno producono oltre 22.000 tonnellate di orzo distico che viene usato per fare la birra Peroni. Dalla regione, infatti, arriva circa il 30% dell’orzo totale lavorato dallo storico brand italiano. Questi sono i numeri che proprio Peroni ha ricordato durante una giornata di raccolto dell’orzo, simbolica ricorrenza annuale che l’azienda organizza attraverso il suo Campus, il progetto di ricerca e formazione che coinvolge il Crea e sei atenei italiani. Oltre che il maltificio Saplo di Pomezia, dove l’azienda trasforma l’orzo in malto fin dal 1964. Proprio l’impianto laziale- ha annunciato Peroni- beneficerà di un investimento di 5 milioni di euro.

ARSIAL INAUGURA FOOD LAB, IN AUTUNNO SCUOLA CON CHEF STELLATI

Una grande sala con 12 postazioni da cucina nel panoramico quarto piano del WeGil di Largo Ascianghi, a Trastevere. Sarà questo il cuore del Food Lab, l’annunciata Accademia del Cibo Arsial che sara’ la prima scuola pubblica di cucina in Italia dove a dare lezioni saranno anche gli chef stellati ambasciatori del territorio, come Iside de Ceseare e i fratelli Serva. Regione Lazio e Arsial hanno inaugurato i nuovi spazi nell’edificio ristrutturato: “Questo luogo- ha detto Rosati- servira’ per valorizzare le eccellenze enogastronomiche del Lazio, per formare e chiudere una filiera offrendo ai ragazzi che hanno gia’ studiato nelle scuole alberghiere e che ambiscono alla meravigliosa professione di cuoco o pasticcere o fornaio, la possibilita’ di migliorare le proprie conoscenze”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Guarda anche:

4 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»